Juventus in finale, Allegri: "Comincia la nostra sfida. Napoli? Bisogna imparare a comportarsi..."

Allegri: "Con questa finale comincia la nostra sfida di arrivare in fondo a tutto. Pallone non restituito? Bisogna comportarsi in un certo modo...".

Obiettivo raggiunto per la Juventus di Allegri, che nonostante la sconfitta per 3-2 subita contro il Napoli ha comunque passato il turno, strappando il pass per la finale contro la Lazio.

Ecco il suo commento a fine partita ai microfoni di Rai Sport. "Abbiamo giocato meglio rispetto a domenica, ma poi ci siamo complicati la vita con l'incidente del 2-2. Neto ha fatto un errore, ma successivamente anche delle belle parate. A parte qualche minuto penso che in generale abbiamo gestito bene. Le partite non sono mai finite, anche l'1-1 lo abbiamo preso nel momento in cui eravamo mosci. Sono dispiaciuto perchè era una partita che potevamo vincere, ma l'obiettivo era comunque quello della terza finale di seguito".

Menzione specifica per Higuain, autore di una doppietta. "Higuain ha fatto una grande partita, ha una buona condizione ed è stato lucido sotto porta. Penso che la squadra abbia giocato bene dal punto di vista tecnico".

Adesso c'è da pensare ad andare in fondo sia in campionato che in Champions League: "Oggi abbiamo iniziato la sfida, ossia quella di arrivare fino in fondo a tutte le competizioni che stiamo affrontando. Sarà necessario alzare l'asticella, già a partire dalla prossima partita contro il Chievo che dobbiamo necessariamente vincere. Contro il Barcellona ci vorrà entusiamo ed autostima".

Il tecnico ex Cagliari spiega perchè è cambiato rispetto alla partita di domenica sera l'atteggiamento tattico della sua squadra: "Quella di domenica era una partita dove non avevamo l'obbligo di vincere, per questo motivo l'abbiamo gestita in un certo modo, diverso da quello di domenica sera"

Qualcosa da ridire invece nei confronti dell'atteggiamento della squadra di Sarri nel finale di partita: "Pallone non restituito del Napoli? Non voglio fare polemica, ci sono delle situazioni però nelle quali bisogna comportarsi in un certo modo. Io guardo la mia squadra, poi non sta a me giudicare. Bisogna però cercare di dare il buon esempio nei confronti di quelli che ci guardano. Ad ogni modo il Napoli è una squadra che gioca bene al calcio, fa bene al calcio italiano, hanno un ottimo allenatore".

Non è ancora il momento di parlare di futuro: "La mia intenzione è quella di continuare con la Juventus, qui sto bene. Con la società non ci siamo ancora incontrati perchè c'è altro da fare. La squadra ha delle grandi potenzialità, è stata modificata ed in giro ce ne sono poche, ma solo alla pari. In questo momento non ci penso nemmeno al futuro".

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità