Juventus-Inter rinviata, Marotta: "Sono molto preoccupato per il calendario"

Goal.com
Marotta nella lettera alla Lega: "L'Inter si riserva ogni azione qualora fossero prese decisioni in violazione delle norme regolamentari".
Marotta nella lettera alla Lega: "L'Inter si riserva ogni azione qualora fossero prese decisioni in violazione delle norme regolamentari".

Juventus-Inter, insieme ad altre quattro gare di Serie A, è ufficialmente rinviata al 13 maggio. Nessun match a porte chiuse nel 26esimo turno di campionato, causa ordine pubblico, questione economica e danno d'immagine. Per i nerazzurri è la seconda gara da recuperare dopo quella contro la Sampdoria: Marotta lo accetta.

L'amministratore delegato dell'Inter si è detto rammaricato per il rinvio di Juventus-Inter, senza però attaccare il sistema calcio italiano in virtù della gara a porte chiuse dei nerazzurri in Europa League e invece il mancato svolgimento di cinque gare di Serie A in questo turno.

A Sky Sport 24 Marotta ha parlato così:

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

"Non voglio fare polemiche, la Lega ha deciso così e dobbiamo prenderne atto. Non voglio fare polemica, sono preoccupato per il futuro".

Secondo Marotta in caso di nuovo rinvio sarà veramente dura giocare tutte le partite:

"Il primo obiettivo è la salute di tutti, ma se parliamo di calcio bisogna rispettare una sana competitività. Sono molto preoccupato, il calendario è compresso di impegni. Gestire il prossimo turno sarà veramente molto difficile con l'ordinanza eventualmente prorogata".

Marotta si stupisce comunque si sia stata presa la decisione a due ore dall'inizio del 26esimo turno:

"La cosa poteva essere affrontata prima, senza arrivare all'ultimo momento. Credo che il criterio adottato in questa giornata, se è questo, debba essere adottato obbligatoriamente anche per domenica prossima. Quello che come Inter abbiamo chiesto è convocare un Consiglio straordinario, i temi da discutere sono tanti e delicati e devono salvaguardare il giusto equilibrio e la competitività del nostro campionato".

Il dirigente dell'Inter chiede di aggiornare il sistema Serie A:

"Bisogna rivedere il calcio, e se ha senso una serie A a 20 squadre: io sono per un campionato a 18. Certo, questa situazione imprevedibile ci deve dar riflettere per cercare di avere degli spot liberi infrasettimanali per i recuperi".

Pesa in questo senso l'annullamento delle giornate intorno a Natale, cancellate dopo l'esperimento di una sola stagione. Pausa natalizia e campionato pressato nel resto dei mesi, che ora deve fare i conti con più gare rinviate.

Potrebbe interessarti anche...