Juventus, Sarri: "Ronaldo? Non ha nulla di grave"

Sarri parla in conferenza stampa alla vigilia di Juventus-Milan: "I rossoneri sono un'ottima squadra, stanno gettando le basi per tornare al top".
Sarri parla in conferenza stampa alla vigilia di Juventus-Milan: "I rossoneri sono un'ottima squadra, stanno gettando le basi per tornare al top".

Alla ricerca della dodicesima gara senza sconfitte. Maurizio Sarri si prepara ad affrontare per la prima volta il Milan sulla panchina della Juventus, con l'obiettivo di mantenere la vetta.

Il tecnico bianconero ha presentato la sfida dell'Allianz Stadium in conferenza stampa.

"Il Milan è una buona squadra che non ha iniziato bene, ma questo conta fino ad un certo punto perché nella singola partita resta temibile. Nel calcio ci sono cicli, nel caso del Milan è complicato ricostruire per tornare ai massimi livelli: le basi però le stanno gettando, anche se non so quando tempo occorrà per risalire".

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

C'è ottimismo per le condizioni di Ronaldo che dovrebbe essere della partita dal primo minuto.

"Non lo so, ieri era con i fisioterapisti. Domattina vedremo. So che non ha nulla di particolarmente grave, solo un fastidio al ginocchio che durante la partita lo squilibra".

In dubbio la convocazione di De Ligt, alle prese con la leggera distorsione alla caviglia che gli ha fatto saltare la trasferta russa di Mosca contro la Lokomotiv.

"Vediamo, ieri ha fatto delle prove in campo con la squadra. Valuterò la reazione e deciderò".

Ramsey può agire tranquillamente sia da trequartista che da mezzala.

"Ramsey ha qualità tecniche importanti, può fare bene in entrambi i ruoli. Il trequartista moderno è ormai un centrocampista, può fare tranquillamente anche l'interno offensivo. Sulla trequarti può darci equilibrio. Ieri ha svolto un allenamento defaticante, oggi valuterò la reazione con una seduta più intensa".

La Juventus non può fare a meno di Bonucci, a maggior ragione dopo il grave infortunio occorso a Chiellini.

"La risposta è insita nelle mie scelte: se avessi pensato che la squadra avrebbe potuto fare a meno di lui lo avrei fatto riposare. Spero di potergli concedere un po' di riposo in futuro. Per noi è un giocatore determinante".

Il Douglas Costa trequartista sembra aver convinto Sarri: a Mosca si è visto un giocatore nel pieno dell'esuberanza fisica e tecnica.

"A Mosca si è allargato perché al centro non c'era molto spazio. Il compito del trequartista è anche quello, cercare spazi per vie esterne. In questo momento abbiamo bisogno di equilibrio, non possiamo permetterci un giocatore puramente offensivo sulla trequarti. Infatti credo che siano state sottovalutate le prestazioni di Bernardeschi dal punto di vista tattico. Rabiot trequartista? In futuro lo vedo più come vertice basso".

Higuain è il grande ex: sarà tanta la voglia di rivalsa nei confronti dei rossoneri, con cui non è mai sbocciato l'amore.

"Anche il Milan avrà il dente avvelenato con lui. E' chiaro che Gonzalo abbia bisogno di grandi motivazioni per rendere al meglio, è la sua storia a dirlo. In questo momento sta bene fisicamente e mentalmente, può darci tanto. Forse può fare qualcosa di più sotto l'aspetto realizzativo".

Nessun commento da parte di Sarri sulla caotica situazione che sta interessando il Napoli, dove i giocatori hanno rifiutato di continuare il ritiro dopo il match di Champions League col Salisburgo.

"Sono problemi loro, non mi sono fatto nessuna idea: a 700 km di distanza non posso capire cosa sia successo realmente. Ancelotti e Giuntoli sono due personaggi di rilievo che sapranno come risolvere la questione. I problemi dell'Inter? Non credo che ne abbiano, hanno 28 punti e mi sembra una squadra in salute".

Potrebbe interessarti anche...