Juventus, Sarri su Allegri: "Schemi cavolate? Spero non se ne accorgano i presidenti"

L'aneddoto di Sarri su Allegri: "Aglianese-Sangiovannese 0-0 con zero tiri in porta, un amico mi disse: se siete allenatori voi...".
L'aneddoto di Sarri su Allegri: "Aglianese-Sangiovannese 0-0 con zero tiri in porta, un amico mi disse: se siete allenatori voi...".

Maurizio Sarri e Massimiliano Allegri. Entrambi vincenti, ma con metodi lavorativi diametralmente opposti. Hanno fatto rumore le parole pronunciate nei giorni scorsi dall'ex tecnico della Juventus, il quale non le ha certamente mandate a dire circa determinati aspetti calcistici. 


"In Italia la tattica, gli schemi, sono tutte puttanate. Il calcio è arte e gli artisti sono i grandi campioni, non devi insegnare niente, li devi ammirare e metterli nelle migliori condizioni di fare bene. È bello quando vedo un grandissimo campione fare grandi giocate. Io in panchina sono spettatore di uno che fa spettacolo che è il giocatore".

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

La risposta di Sarri non si è fatta attendere che, interpellato sul tema alla vigilia della finale di Supercoppa Italiana, ha espresso il suo punto di vista in merito:

"Gli schemi sono cavolate? Spero solo non se ne accorgano i presidenti o i nostri salari subiranno tanto. Che un tecnico non debba stravolgere i giocatori per allenare se stesso sono d'accordo, che debba incidere su una squadra rispettando le caratteristiche dei giocatori va fatto. Sono opinioni personali, modo di intendere il lavoro differente".

Insomma, due modi differenti di interpretare la materia. Con Allegri più preposto a valorizzare l'istinto e con Sarri da sempre legato a meccanismi oliati e ripetuti fino allo sfinimento. Al rettangolo di gioco, come sempre, il verdetto sovrano.

Potrebbe interessarti anche...