De Ketelaere, tre gol per prendersi il Milan: è già l'uomo-copertina, il ruolo scelto e l'idea per il debutto in Serie A

Se fino a ieri qualcuno aveva ancora qualche dubbio, con la tripletta di ieri Charles De Ketelaere ha convinto tutti. Il posto da titolare da trequartista centrale nel 4-2-3-1 di Pioli è il suo. Dal Bruges con furore, entusiasmo e voglia di esplodere definitivamente. Classe 2001, il belga si è inserito alla perfezione negli schemi rossoneri e contro la Pergolettese ha messo in mostra tutto il repertorio: prima ha segnato su rigore mandando anche un messaggio ai fantallenatori, poi di sinistro e il tris l'ha servito di testa, su assist di Florenzi.

CHIAVE TATTICA - Un trequartista tuttofare con il vizietto del gol, mica male. "Cercavamo reti, assist e fisicità" ha raccontato Pioli. Maldini è sempre stato convinto che De Ketelaere fosse l'uomo giusto: l'ha cercato, inseguito, ha rilanciato più volte fino a chiudere l'affare. E ora i rossoneri si godono Charles, il punto fermo del nuovo Milan. Già, perché che sia 4-2-3-1 o - prima alternativa - 4-3-1-2 lui sta sempre lì, tra centrocampo e attacco pronto a inventarsi qualcosa per i compagni o entrare in area e andare in porta.

VERSO L'UDINESE - Al debutto in campionato contro l'Udinese mancano cinque giorni, il Milan aprirà la Serie A 2022/23 e probabilmente lo farà con il numero 90 titolare. Lui con Saelemaekers da una parte e Leao dall'altra, davanti dovrebbe esserci Olivier Giroud in attesa di avere Origi al 100%. A insidiare Charles è Brahim Diaz, in questi giorni Pioli scioglierà il dubbio ma al momento il belga parte nettamente in vantaggio sull'ex Real. Tre squilli per presentarsi alla grande, De Ketelaere è già al centro del Milan.