Kim: 'Ho molte carenze, devo imparare. Difficile giocare nel Napoli, Giroud il più duro da marcare'

Intervistato dal ritiro della nazionale coreana dal media Star News, il centrale del Napoli Kim Minjae ha parlato del suo impatto con il calcio italiano e della sua crescita: "Io ho molte carenze e ho ancora bisogno di imparare e migliorare: mi sono concentrato su come riuscirci e ho provato a fare esattamente quello che l’allenatore mi chiedeva. È difficile passare in un grande campionato e giocare, ma ho pensato di dovermi adattare incondizionatamente. I miei compagni mi hanno aiutato tanto e sono tutti molto bravi: mi sono reso conto che se non fossi riuscito a tenere il passo non avrei potuto giocare. L'avversario più ostico? Giroud: ha grandi qualità da centravanti e forza fisica: per marcarlo bisogna essere concentrati e tenere la posizione per 90 minuti".