KMW Motorsports e TMR Engineering raddoppiano: due Alfa Romeo TCR in IMSA

Francesco Corghi
motorsport.com

Saranno due le Alfa Romeo costruite dalla Romeo Ferraris presenti in Classe TCR nell'IMSA Michelin Pilot Challenge 2019.

Dopo l'annuncio di KMW Motorsports, che in collaborazione con TMR Engineering ha deciso di schierare la Giulietta per Roy Block e Tim Lewis Jr, ora ne verrà aggiunta un'altra, come hanno confermato i proprietari delle due compagini, Louis Milone e Kevin Wheeler.

I due hanno cominciato la loro collaborazione nel lontano 1994 affrontando nel corso degli anni diversi impegni negli Stati Uniti con le rispettive squadre di meccanici ed ingegneri, lavorando con team importanti come la Compass Racing, vincitrice con l'Audi RS 3 LMS del titolo TCR nel 2018.

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

“Questo è il primo anno che decidiamo di prendere in mano tutto e credo che le cose cambieranno - ha spiegato Milone - La gente non ci conosce molto, ma probabilmente ora lo farà perché con l'Alfa Romeo abbiamo scelto forse l'auto più insolita. Ce n'erano due in America e conoscevo il proprietario, ma non le aveva mai messe in pista perché non trovava chi le volesse affittare. Io avevo già alcuni piloti pronti, per cui ho portato le vetture in officine per prepararle e svolgere alcuni giorni di test. Abbiamo confrontato i dati con quelli raccolti dalle Audi e sono risultati buoni, possiamo essere competitivi e per questo ci siamo accordati".

"Il supporto fornitoci da Alfa Romeo è stato incredibile, mi sono sentito come fossimo un team ufficiale. Quelli di Romeo Ferraris ci hanno seguito da vicino, ma sono certo che una volta rese stabili le cose non avremo più bisogno che vengano ad ogni gara. Sono stati presenti e bravissimi a procurarci tutto ciò di cui avevamo bisogno, per ora sono molto contento della decisione presa".

Milone si è anche detto molto soddisfatto di essere presente con KMW Motorsports with TMR Engineering in Classe TCR.

“Mi sono sembre divertito a lavorare con piloti "bronze" che vogliono diventare pro e a vedere cosa si può fare con loro. Del resto, è molto meglio cominciare con una macchina di livello inferiore e meno costosa, per poi passare a quelle superiori. Si spende meno a riparare gli eventuali danni".

“Il mio obiettivo è essere competitivi ad ogni gara, mi piacerebbe certamente essere fra i protagonisti. Certo, sicuramente sarebbe fantastico scendere dai camion e arrivare in pista sapendo che vai a giocarti il successo, ma serve tempo e pazienza. Per ora sarei felicissimo di finire ogni gara e mettere insieme tanti giri. Non mi aspetto di vincere il titolo e non è il nostro obiettivo per ora. Quello che vogliamo fare è rappresentare bene il marchio in modo professionale. Abbiamo speso moltissimo per cambiare la squadra, questo però non renderà la macchina più veloce. Ma sappiamo che ci terranno d'occhio perché è una vettura diversa dalle altre, dunque vogliamo andare il più lontano possibile".

I nomi dei piloti scelti per la seconda Giulietta verranno annunciati nei prossimi giorni.

Potrebbe interessarti anche...