L'Europa si inchina ancora a Cristiano Ronaldo: nessuno è decisivo come lui

Real Madrid-Bayern Monaco ha tanti titoli, polemici e non. Sicuramente il quarto più prestigioso della Champions League 2016/2017 farà parlare a lungo di sè per l'arbitraggio scadente che ha portato ad un rosso inesistente nei confronti di Vidal e ad un goal irregolare dei Blancos. Ma passerà alla storia per l'ennesima prestazione monstre di Cristiano Ronaldo.

E' mostro, gigante. O semplicemente decisivo: l'uomo più decisivo del mondo è ancora Cristiano Ronaldo. In attesa di capire se Messi riuscirà a rispondere al rivale nel ritorno dei quarti di Champions contro la Juventus, il fuoriclasse portoghese, Campione di tutto in carica, ha fatto la voce grossa, con o senza il caratteristico urlo 'siiiiu'.

Bayern Monaco eliminato da Kassai e da Cristiano Ronaldo, senza alcun dubbio. Se l'arbitro ha realmente deciso la gara, lo ha fatto altrettanto l'attaccante che nell'ultimo anno ha vinto Champions League, Mondiale per Club, Europeo, Pallone d'Oro e ha visto l'Aeroporto di Madeira prendere il suo nome. Insomma, qualcosina lo ha fatto.

Sono 100 i goal in Champions League dopo la tripletta al Bayern Monaco nel ritorno dei quarti, addirittura, come Di Stefano, 32 tra quarti, semifinali e finali: se Messi è più giocatore da fase a gironi, il lusitano è decisamente più presente nella fase ad eliminazione diretta, quando il gioco si fa realmente duro.

"Abbiamo giocato bene, altrimenti il Bayern avrebbe segnato di più" ha detto Cristiano Ronaldo al termine della gara. "Siamo abituati a soffire, ma abbiamo meritato la semifinale dopo cinque goal al Bayern. L'esultanza? Ho chiesto che non mi si fischi, cerco sempre di dare il massimo. Speriamo di raggiungere la dodicesima, ma c'è da lavorare".

Cristiano Ronaldo Real Madrid Bayern Munich UCL 18042017

102 le reti in competizioni UEFA, considerando anche la Supercoppa Europea vinta col Real Madrid nel 2014/2015, in cui Cristiano Ronaldo mise a segno una doppietta decisiva. E' la parola chiave, decisività: nessuno riesce minimamente ad esserlo a questi livelli, nemmeno Leo Messi.

Con Cristiano Ronaldo nelle proprie fila il Real Madrid è diventata la prima squadra capace di raggiungere le seminali di Champions League in sette occasioni consecutive: nelle sei precedenti ha vinto due volte il trofeo, fermandosi al penultimo atto nelle altre annate.

A seconda di come andrà Barcellona-Juventus, il Pallone d'Oro potrebbe avere due contendenti o solo uno: se Messi eliminerà i bianconeri e andrà avanti nella competizione duellerà per il prestigioso trofeo fino alle votazioni di fine anno, ma in caso di eliminazione blaugrana il premio vedrà ultra-favorito proprio Cristiano Ronaldo.

Dal Camp Nou arriveranno tanti verdetti: il primo è giunto dal Bernabeu, seppur tra le polemiche. Nessuno è come Cristiano Ronaldo. Nessuno.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità