L'Etna non si ferma, notte di lava e lapilli

Primo Piano
·1 minuto per la lettura
(AP Photo/Salvatore Allegra)
(AP Photo/Salvatore Allegra)

Alle 17.50 di martedì 9 marzo l’Etna si è nuovamente svegliato: si tratta dell'11esima eruzione in poche settimane.

Come spiegato dall'Osservatorio etneo dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, alle 20.13 si è osservato un trabocco lavico dal cratere di sud-est e la fontana è rimasta attiva fino a circa le 3.30.

Il flusso lavico ha raggiunto una quota di circa 2.200 metri, l’ennesimo spettacolo, il terzo rilevato da marzo. I lapilli e altro materiale piroclastico si è riversato sulle strade, le auto e le abitazioni.

GUARDA ANCHE: Etna, stato di crisi: attorno al vulcano una distesa di polvere lavica