L'Inter corteggia Dybala e incontra Lukaku, ma Marotta ha già capito quale sarà il futuro

In questo articolo:
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Le percentuali di riuscita sono ridotte al lumicino, ma seppur di fronte ad evidenti difficoltà, l’Inter vuole giocarsi tutte le proprie carte nel tentativo di raggiungere l’obiettivo di mercato numero uno: Romelu Lukaku. Da qui l’incontro di martedì tra Marotta e l’avvocato Ledure, da anni uomo di fiducia dell’attaccante belga. Le parti definiranno un piano comune, armeranno l’ariete che dovrà diplomaticamente smontare le resistenze londinesi, perché opposto al baccano Inter-Lukaku, c’è ancora e sempre il silenzio del Chelsea, che non aiuta a comprendere quali siano le intenzioni dei Blues a proposito di una questione così spinosa. Sicuramente Lukaku proverà a fare leva sul pessimo rapporto con Tuchel e sulla possibilità di rilanciarsi altrove, ma basterà? In viale della Liberazione sono pessimisti, sanno che si tratta di una missione quasi impossibile e nessuno si sente James Bond, ma non c’è niente da perdere e allora tanto vale fare un tentativo. Di sicuro dall’incontro di domani non ci si aspetta niente di determinante, i dialoghi più significativi saranno quelli tra Lukaku e il Chelsea, perché questa è una partita che si giocherà a Londra e non a Milano.

Percentuali per una possibile fumata bianca? All’Inter fanno i pessimisti, riconoscendo un 5% di possibilità. Ecco perché Dybala è un idea che man mano diventa sempre più concreta, prende forma dietro al ghigno astuto di Marotta, che però stasera non ha resistito alla tentazione di spedire un messaggio molto chiaro al suo pupillo: “Dove giocherà l’anno prossimo? Nel calcio bisogna anche accettare bugie bianche e per questo dico che non lo so, ma spero possa giocare per noi”, ha spiegato l’amministratore delegato dell’Inter, premiato all’evento “L’amico atletico”, per la Fonzazione Cardinaletti. Dybala è per l’Inter una pista parallela a quella di Lukaku, ma consci delle difficoltà esistente per arrivare a “Big ROM”, Marotta intende far avvertire all’argentino tutta la stima dell’Inter, perché è consapevole del fatto che la trattativa con il Chelsea potrebbe morire prima ancora di nascere e a quel punto i nerazzurri non potrebbero correre il rischio di perdere anche Dybala. Ma probabilmente Marotta ha già capito dove porterà il futuro è quella sua frase ha già attecchito su migliaia di tifosi nerazzurri.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli