L’Ippodromo Snai San Siro nuovo motore di aggregazione a Milano

webinfo@adnkronos.com

Sport e competizioni, ma anche cultura e aggregazione. Sono questi i cardini del 2020 dell’Ippodromo Snai San Siro, il cui "fratello minore", l’Ippodromo Snai La Maura, ospiterà dal 2 al 5 luglio la ‘Milano San Siro Jumping Cup 2020’, manifestazione internazionale che gli organizzatori incorniciano con la definizione di “grande avventura equestre”. Unico ippodromo al mondo dichiarato monumento di interesse nazionale, il complesso rappresenta per la città di Milano un polmone verde che si stende su circa 1 milione e mezzo di metri quadrati, l’1% circa dell’intera superficie del Comune.  

Inaugurata nell’aprile del 1920, su progetto dell’architetto Paolo Vietti Violi, la struttura ha conosciuto, grazie alla proprietà di Snaitech, un periodo di rilancio e valorizzazione mirato a farla divenire uno spazio di aggregazione per la città di Milano. Attraverso l’organizzazione di eventi, iniziative artistiche e partnership con le scuole, in tre anni 500mila persone hanno avuto l’opportunità di visitare l’ippodromo, già palcoscenico ippico di caratura internazionale. Un'evoluzione naturale per un luogo che si è riscoperto in una più ampia filosofia di utilizzo e aperto alle moderne concezioni di parco da intrattenimento. Una direzione, quest'ultima, che in futuro troverà nuove applicazioni, con l'obiettivo di continuare ad offrirsi alla città di Milano quale punto di ritrovo e divertimento. 

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Potrebbe interessarti anche...