La clausola da 30 milioni di Pellegrini spaventa la Roma: Juventus e Inter in agguato

Il contratto di Lorenzo Pellegrini con i giallorossi scade nel 2022, ma la clausola da 30 milioni lo rende un'occasione di mercato per tutte le big.
Il contratto di Lorenzo Pellegrini con i giallorossi scade nel 2022, ma la clausola da 30 milioni lo rende un'occasione di mercato per tutte le big.

La Roma di Fonseca ha preso il volo: contro la Fiorentina i giallorossi hanno trovato la quarta vittoria nelle ultime cinque di Serie A, una striscia di successi interrotta solo dal pareggio contro l'Inter a 'San Siro'.

Uno dei segreti dell'ascesa della compagine di Fonseca è certamente Lorenzo Pellegrini. Il centrocampista classe '96 è definitivamente sbocciato e in questa primi mesi di stagione sta catturando le attenzioni di tutte le big d'Europa. A rendere Pellegrini ancora più appetibile è la clausola rescissoria da 30 milioni presente nel contratto che lo lega alla Roma fino al 2022. C'è un però. Ed è che questa clausola sarebbe attivabile solamente dal 1 al 30 luglio 2020. 

Il valore della clausola è nettamente inferiore a quello reale di Pellegrini e questo fa di lui una delle più grandi occasioni a centrocampo sulla piazza. In Italia non è un segreto che Juventus  ed  Inter siano alla ricerca di rinforzi per la mediana: i bianconeri per via dell'infortunio di Khedira e con Emre Can considerato sempre più partente, mentre Marotta deve rispondere a delle richieste precise di Antonio Conte.

La società giallorossa vorrebbe ridiscutere il contratto di Pellegrini, adeguando la clausola al valore del giocatore per evitare di perderlo per una cifra troppo bassa. In campionato le prestazioni del centrocampista azzurro sono state un crescendo rossiniano per il rendimento espresso: 11 presenze con 6 assist e culminate con il primo goal stagione segnato ieri contro la 'Viola'.

In conferenza stampa, dopo la vittoria all'Artemio Franchi, Fonseca si è complimentato con Pellegrini per lo stato di forma attuale e poi ha risposto in maniera piccata sulla domanda relativa alla clausola presente nel contratto dell'azzurro. L'allenatore lusitano non vorrebbe perdere il suo pupillo, ma sa che a queste condizioni potrebbe rappresentare un'occasione troppo ghiotta per le big europee.

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Potrebbe interessarti anche...