La famiglia di Hayden richiede un nuovo risarcimento, equivalente a ben 15 milioni

·2 minuto per la lettura
Nicky Hayden e l'incidente mortale: la famiglia richiede 15 milioni di risarcimento
Nicky Hayden e l'incidente mortale: la famiglia richiede 15 milioni di risarcimento

Era il 22 maggio 2017, il pilota motociclistico statunitense, Nicky Hayden, perdeva la vita in un tragico incidente stradale, mentre era in sella alla sua bicicletta.

Nella giornata di oggi, 22 maggio 2021, ricorre dunque l’anniversario della morte di Hayden, sono ormai trascorsi ben quattro anni dal triste accaduto. La battaglia legale della famiglia del pilota, in seguito all’incidente, non si è mai arrestata.

Nicky Hayden e la richiesta di risarcimento: il racconto dell’incidente

Ricorre oggi, 22 maggio 2021, il quarto anniversario della prematura scomparsa di Nicky Hayden, deceduto in seguito a un incidente stradale, mentre era in bici.

Un pomeriggio del 17 maggio 2017, la vita di Nicky Hayden è stata spezzata. Il pilota infatti, quel giorno è rimasto vittima di un incidente avvenuto a Misano, a pochi metri dall’autodromo Simoncelli, mentre percorreva la strada in bicicletta.

Secondo la ricostruzione dell’incidente, effettuata anche grazie a registrazioni effettuate da videocamere installate vicino al luogo della tragedia, il giovane pilota non rispettò il segnale di stop posto davanti a quell’incrocio che gli è stato fatale e dove è stato travolto da un automobilista di Morciano, che sopraggiungeva in quell’esatto istante alla velocità di circa 72 km/h, contro i 50 km/h posti come limite.

Nicky Hayden e la richiesta di risarcimento: un dramma anche per l’automobilista

L’incidente di quel 17 maggio 2017 ha di fatto tolto la vita ad Hayden e non ha reso di certo migliore l’esistenza all’automobilista che l’ha travolto.

Il ragazzo che era alla guida dell’auto, infatti è rimasto gravemente colpito dal punto di vista psicologico, in seguito all’accaduto e secondo il racconto dei suoi legali, avrebbe lasciato il suo lavoro e sofferto di depressione.

Nell’ottobre del 2018, l’automobilista, oggi 34enne, fu condannato ad un anno per omicidio stradale da parte del Tribunale di Rimini. Un incidente dunque, quello del 2017, che ha radicalmente cambiato la vita di due uomini.

Nicky Hayden e la richiesta di risarcimento: le cause legali

Secondo quanto riportato da Il Resto del Carlino è stata aperta da qualche mese, presso il Tribunale di Milano, la causa civile che ha come protagonisti i familiari di Hayden (i genitori e la fidanzata), che si sono costituiti parte civile e hanno chiesto tramite i loro avvocati un risarcimento del valore di 15 milioni alla compagnia assicurativa del giovane automobilista già condannato nel 2018.

La famiglia del pilota statunitense aveva inizialmente avanzato alla compagnia assicurativa dell’automobilista, una richiesta di risarcimento del valore di 6 milioni di euro, che corrisponde al massimale previsto dalle polizze assicurative. Adesso la richiesta di risarcimento è diventata decisamente più ingente e i legali dell’automobilista sono pronti ad opporsi a questa richiesta.

Una partita, quella del risarcimento, giocata tra l’assicurazione e la famiglia di Hayden, che resta dunque ancora aperta.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli