La finale di Coppa Italia potrebbe essere aperta al pubblico: la situazione

Omar Abo Arab
·1 minuto per la lettura

Manca un mese mezzo al 19 maggio, giorno in cui Juventus e Atalanta si sfideranno in finale di Coppa Italia al Mapei Stadium di Reggio Emilia, al contrario dell'Olimpico di Roma che ha ospitato tutte le ultime finali della manifestazione. Una questione economica, visto l'investimento di 1 milione di euro della Regione Emilia-Romagna e pratica, perché in quella data si dovrebbe recuperare Lazio-Torino. Manca solo l'ufficialità sulla scelta, che dovrebbe arrivare dal Consiglio di Lega del prossimo venerdì.

L'ultima Coppa Italia vinta dal Napoli | Marco Rosi/Getty Images
L'ultima Coppa Italia vinta dal Napoli | Marco Rosi/Getty Images

E proprio in occasione della finalissima, secondo l'edizione odierna de Il Messaggero, la Lega Serie A starebbe lavorando ad una gara aperta al pubblico, per la prima volta da fine ottobre. Un po' sulla falsariga delle aperture contingentate degli stadi in altri Paesi europei, su tutti Inghilterra e Olanda. La riuscita, o meno, dell'ipotesi, dipenderà dalla situazione Coronavirus nel nostro Paese, oltre che dalla campagna vaccinale anti-Covid.

Si spera, però, che l'arrivo della Primavera e l'innalzamento delle temperature, sempre tenendo presenti i numeri della pandemia, possano aiutare il calcio a ritrovare una piccola parte dei tifosi. In Europa, nel frattempo, il 27 marzo 5 mila spettatori hanno assistito ad Amsterdam ad Olanda-Lettonia, mentre in Inghilterra si continua a parlare della possibilità di aprire le porte di Wembley in occasione di una delle due semifinali di FA Cup del 17-18 aprile.

Segui 90min su Facebook, Instagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo della Juve e della Serie A.