La Fiorentina prende il volo, Sampdoria in caduta libera

Getty Images

La Fiorentina ha scacciato la crisi, alla Sampdoria non funziona la cura Stankovic. Questo il verdetto della sfida di Marassi, che vede i viola tornare a casa con un 2-0 che certifica il quarto successo consecutivo tra campionato e Conference League e la conseguente scalata a posizioni di classifica più degne della qualità della rosa a disposizione di Italiano.

I gol di Bonaventura e Milenkovic non spiegano al meglio la netta superiorità mostrata dagli ospiti al cospetto di una Samp che sembra in disarmo e che continua ad aggiornare i propri record negativi: mai prima di quest’anno i blucerchiati, penultimi con 6 punti, avevano perso nove delle prime 13 giornate di campionato, con un solo successo.

Le buone cose fatte vedere in casa dell’Inter sono evaporate contro la Fiorentina: Sampdoria in balia dell’avversario e il cambio di modulo deciso da Stankovic, che ha virato sul 3-5-2, non ha sortito alcun effetto, così come la scelta di puntare sul giovane Montevago titolare in attacco con Caputo.

La rete di Bonaventura al 4’, bravo a seguire un’azione in velocità avviata da Kouamé, proseguita da Ikone e rifinita da Dodo non scuote la Sampdoria, graziata da un errore dello stesso Kouamé e dal Var che cancella un rigore assegnato dall’arbitro per un contatto Villar-Jovic. La Samp non tira mai ed esce definitivamente dalla partita al 13’ della ripresa dopo il raddoppio di testa di Milenkovic su angolo di Mandragora, poi Bonaventura si divora il tris in contropiede.