La Juve non eserciterà l'opzione, Sarri è libero di trovare squadra. La Lazio ora stringe

·1 minuto per la lettura
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Maurizio Sarri è un allenatore libero di accordarsi con qualsiasi altro club in vista della prossima stagione. E la Lazio sta facendo di tutto affinché questo club possa essere proprio quello biancoceleste. Definitiva infatti la decisione della Juventus di non esercitare l'opzione di rinnovo del contratto del tecnico, accettando così di pagare la penale di 2,5 milioni netti previsti dall'accordo originario. Risolto infatti il mistero legato al contratto di Sarri e la Juve: l'annuncio ufficiale parlava di un accordo triennale con scadenza 30 giugno ​2022, in realtà è stata una formula comunicativa per semplificare il progetto biennale con opzione per il terzo anno.

La Lazio è pronta a stringere, vogliosa di affidargli la panchina lasciata libera da Simone Inzaghi, prossimo tecnico dell'Inter. Maurizio Sarri era stato a un passo dalla Roma, prima della virata giallorossa su Mourinho, e aveva mosso contatti anche con Arsenal e Tottenham. Nulla di fatto che favorisce, ora, la Lazio, pronta a chiudere per l'ex Juve.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli