La Juventus pensa alle cessioni: due difensori ufficialmente sul mercato

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·1 minuto per la lettura
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

La Juventus dovrà sfoltire la rosa prima di compiere investimenti in entrata per la prossima stagione. I primi indiziati a svestire i colori bianconeri sono Merih Demiral e Daniele Rugani, messi ufficialmente sul mercato dal club perché non ritenuti funzionali al progetto tecnico avviato da Massimiliano Allegri. Una decisione che, però, verrà soddisfatta soltanto a fronte di offerte congrue dalle pretendenti. Il centrale turco raggiungerà i compagni alla Continassa nel corso delle prossime ore, dopo il fallimento con la Turchia a Euro 2020. In attesa che qualche grande club europeo avanzi la prima proposta per lui, superiore ai 35 milioni di euro: sulle sue tracce ci sono Everton, Tottenham e Atalanta.

Juventus | Jonathan Moscrop/Getty Images
Juventus | Jonathan Moscrop/Getty Images

Decisamente più bassa la richiesta economica per Rugani, reduce da una positiva parentesi al Cagliari nel passato campionato. Alcune società di Serie A hanno già effettuato qualche sondaggio (Bologna e Fiorentina le più interessate), ma attenzione anche a Besiktas e Real Betis. L'estate è lunga e la Juventus attende: non è escluso che il club bianconero sfrutti i cartellini dei due difensori per arrivare a dichiarati obiettivi come Manuel Locatelli, agevolando la buona riuscita dell'operazione con il Sassuolo.

Segui 90min su Telegram per rimanere aggiornato su tutte le ultime novità di calciomercato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli