La Juventus si sfrega le mani: Caldara goleador tra record e l'obiettivo Materazzi

A 22 anni, alla sua prima stagione da titolare in Serie A, Mattia Caldara è già nell'olimpo dei grandi difensori goleador nella storia della Serie A. Esagerato? No, sono i dati ad evidenziare come il centrale di Gasperini sia entrato di prepotenza in questo ristretto gotha. La Juventus, prossima avversaria, e prossima squadra del giocatore, ci ha visto benissimo.

Anche contro il Bologna è stato Caldara, su angolo di Cristante, a segnare un goal a dir poco decisivo: 3-2 definitivo per l'Atalanta, tre punti, quarto posto ed Europa sempre più possibile per la terribile banda di giovani allenata da Gasperini. Settimo centro in campionato per l'ex difensore del Trapani: se segna il classe 1994 la sua Dea vince sempre.

"Fare i tre punti oggi voleva dire conservare la nostra posizione e ne siamo felici" ha evidenziato Caldara a fine gara. "Il goal dell’Europa? Non credo, ne servono ancora un po'.Ora ci aspetta la Juventus. Fa piacere giocare contro una squadra che mi ha acquistato dandomi fiducia, ma io voglio regalare un sogno alla nostra tifoseria”.

Caldara pensa solo all'Atalanta, squadra con cui giocherà anche nella prossima annata prima di passare alla Juventus nel 2018. I bianconeri hanno fatto centro per il dopo Bonucci-Barzagli-Chiellini, considerando la crescita di Rugani e i fantastici numeri da goleador del'attuale difensore bergamasco, come detto arrivato a quota sette goal.

Mattia Caldara scores Napoli Atalanta Serie A 2016-17

E' di gran lunga il centrale con più goal di questo campionato Caldara, tutti realizzati senza tirare rigori: l'ultimo a raggiungere tale cifra era stato Kamil Glik, ex capitano del Torino ed ora difensore del Monaco pronto ad affrontare la stessa Juventus nella semifinale di Champions League 2016/2017.

Caldara ha ora cinque giornate a disposizione per superare anche Glik e magari puntare alla doppia cifra: il prossimo della lista è Domizzi, nel 2007/2008 a otto reti in maglia Napoli ma con ben sei penalty tirati. Bisogna indietreggiare fino al 2006/2007 per trovare un difensore centrale in doppia cifra, seppur con l'ausilio di rigori: non poteva che essere Marco Materazzi, uno dei portabandiera storici del difensore goleador.

Nella prima stagione post Calciopoli di fatto Maurizio Materazzi segnò dieci reti, di cui quattro rigori: Matrix non riuscì a superare il record personale di dodici marcature ottenuto nel 2001, in maglia Perugia. Rispetto a Glik, Domizzi e l'ex capitatno interista, Caldara ha decisamente meno anni, ma ha dimostrato di poter essere letale in zona goal.

Cinque goal tra Trapani e Cesena, ben sette con l'Atalanta, con cui aveva esordito nel 2013/2014, scendendo in campo in una sola occasione. La Juventus non si è lasciata sfuggire l'occasione di portare a Torino il futuro, l'Atalanta se lo sta godendo, se lo godrà nella prossima annata: tra record e grandi prospettive, tutti felici.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità