La magistratura belga apre indagine sulla morte di Hubert

Adx
Askanews

Roma, 2 set. (askanews) - La magistratura belga ha aperto una inchiesta sull'incidente di sabato 31 agosto a Spa nel corso della gara di Formula2 che ha provocato la morte del 22enne pilota francese Anthoine Hubert. Si tratta di un atto dovuto. "Per il momento, non c'è nulla che possa suggerire negligenza, ma ciò sarà determinato dagli esperti", ha commentato il magistrato di Verviers Grand Champs, Gilles de Villers. L'incidente, oltre allo sfortunato Hubert, ha coinvolto anche il francese Giuliano Alesi, figlio dell'ex pilota di F1 Jean Alesi, illeso, e lo statunitense Juan Manuel Correa, ricoverato in condizioni stabili a Liegi con fratture multiple alle gambe e forse anche alla schiena. Nel corso del secondo giro del Gp Alesi avrebbe perso il controllo della vettura, rientrando in pista avrebbe costretto Hubert ad una sterzata per evitarlo che ha fatto rimbalzare la sua vettura andata in collisione con le proiezioni. Non ha potuto evitare l'impatto con la vettura di Correa che arrivava a oltre 270 km orari. Un incidente spaventoso che ha portato alla morte di Hubert alle 18:35

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Potrebbe interessarti anche...