Arteta positivo, la Premier fa dietrofront? Riunione straordinaria

Goal.com

In un primo momento lo 'show' sarebbe dovuto proseguire senza timore, poi la notizia della positività di Arteta al Coronavirus che cambia le carte in tavola. Anche la Premier League, ora, potrebbe fermarsi.

Inizialmente, in una nota ufficiale, si era manifestata l'intenzione di scendere in campo regolarmente nonostante l'emergenza sanitaria: ma il contagio del tecnico dell'Arsenal, provoca un dietrofront.

Questo il primo comunicato diramato:

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

"A seguito dell'ultimo aggiornamento dal governo pubblicato questo pomeriggio, tutte le partite della Premier League andranno avanti come programmato in questo fine settimana. Mentre il Primo Ministro ha avvertito che per ora tutti gli eventi sportivi dovrebbero svolgersi normalmente, ha anche avvisato che il governo sta valutando la possibilità di vietare i principali eventi pubblici in futuro, tra questi ovviamente le partite di calcio".

"Pertanto continuiamo a lavorare a stretto contatto con i nostri club, il governo, la FA, EFL e altre parti interessate per garantire che siano predisposti piani di emergenza adeguati se e quando le circostanze cambieranno".

Come detto, però, in seguito alla positività di Arteta la Premier ha fatto retromarcia.

"Alla luce dell'annuncio dell'Arsenal che conferma come il loro allenatore Mikel Arteta sia risultato positivo al COVID-19, la Premier League convocherà venerdì mattina una riunione straordinaria coi club riguardante le prossime partite. La Premier League non rilascerà ulteriori commenti dopo l'incontro".

Potrebbe interessarti anche...