La rabbia di Thiago Motta: "Sconfitti da due ingiustizie"

Getty Images

Il Bologna cade di misura in casa della Roma nella prima partita del 2023, ma Thiago Motta non ci sta.

Al termine del match perso 1-0 contro i giallorossi per un rigore trasformato in avvio da Lorenzo Pellegrini l'allenatore rossoblù è insorto contro la direzione, recriminando proprio per il penalty che ha deciso l'incontro, concesso dall'arbitro Santoro per il contatto tra Lucumì e Dybala, ma anche per uno non concesso alla propria squadra durante la ripresa: "A decidere le partite sono gli episodi e il rigore per la Roma era inesistente - l'attacco dell'allenatore italo-brasiliano - Dybala è andato a cercare il mio difensore che tocca il pallone, era giallo per il giocatore della Roma. E nel secondo tempo non ci è stato concesso un rigore netto, anzi è stato ammonito Dominguez e poi l'arbitro ha ammonito anche me. Io sbaglio perché non riesco a controllarmi e devo crescere, ma digerire certe situazioni è difficile. Abbiamo perso per due ingiustizie".

La prima volta da avversario di José Mourinho, suo maestro nell'Inter del Triplete, è quindi amara per Thiago Motta, che però promuove la prova della propria squadra lanciando anzi una frecciata alla Roma: "Comunque rispetto alla partita contro l'Inter in cui ci siamo persi dopo il primo episodio negativo i passi avanti sono stati evidenti, la prestazione della squadra mi soddisfa. La Roma è una squadra che crea pericoli se ha spazi a disposizione e noi siamo stati bravi a tenere aperta la partita fino alla fine. Abbiamo creato numerose occasioni, la Roma ha solo difeso il risultato".