La Roma scopre Monchi: staff di 20 esperti e 400 calciatori osservati

Monchi cerca di suonare la carica a 'La Gazzetta dello Sport': "Abbiamo l'obbligo di provarci per lo Scudetto, siamo vicini alle migliori".

Come vi abbiamo raccontato nella giornata di ieri, la Roma ha cominciato a conoscere meglio Ramón Rodríguez Verdejo con le prime dichiarazioni ufficiali da giallorosso. Monchi, come ormai viene chiamato da tutti, è un personaggio "particolare" e tutto il suo successo è frutto di un lavoro senza eguali nel mondo del calcio, o quasi. 

Già nel suo primo giorno di lavoro a Roma è entrato nel suo ufficio a Trigoria alle 9 del mattino, per poi uscirne solo a serata inoltrata. Di lui dicono che lavori almeno 12 ore al giorno, e anche di più negli intensi periodi di calciomercato. Studia costantemente giocatori ed ha un metodo infallibile per riuscire a scovare nuovi talenti e uomini adatti alla sua squadra.

Come racconta 'Libero', Monchi ha creato tutta una sua struttura di osservatori e applicazioni che permettere di studiare i giocatori in modo infallibile e analitico: ha un suo vice, un coordinatore dell'area tecnica e 13 talent scout che studiano tutti i campionati più importanti. Ogni mese ognuno di questi stila una personale classifica di gradimento e, circa a metà stagione, Monchi avrà in archivio circa 400 giocatori da studiare più attentamente. E' una prima cernita. 

A questo punto i giocatori presi in esame cominciano ad essere studiati dal vivo durante le loro partite da altri 7 scout: ognuno di questi compila un report del giocatore ed una pagella, con i voti che vanno dalla A alla E, naturalmente in ordine di gradimento e di appetibilità. Tramite questa seconda cernita i giocatori osservati in primavera saranno circa 150.

A quel punto iniziano i contatti con i vari agenti e, soprattutto le conversazioni con il proprio allenatore. Su 150 giocatori ci sarà almeno un prototipo ideale, più o meno, delle varie richieste che potrebbe fare il tecnico. Intanto il diretto sportivo ha già contattato ufficiosamente Omar Milanetto, come riporta 'La Repubblica', per averlo a capo del suo gruppo di scout. L'ex centrocampista del Genoa ricopre lo stesso ruolo adesso proprio in casa rossoblù

Insomma, è così che Monchi ha fatto ricco il Siviglia, creando plusvalenze e soprattutto portando a casa trofei. L'augurio della Roma è che tutto questo possa ripetersi anche nella Capitale.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità