La seconda tappa dell'australiana Gold Coast 500 funestata da un terribile groviglio di supercar

Il terribile momento dell'incidente
Il terribile momento dell'incidente

Una gara fra auto super performanti finisce male e si verifica un terribile incidente per fortuna senza vittime: la seconda tappa dell’australiana Gold Coast 500 viene funestata da un terribile groviglio di supercar che ha fatto alzare la bandiera rossa dopo che diverse auto hanno cozzato fra di loro a veloicità spaventosa. Secondo quanto riportato dai media sportivi l’incidente è stato innescato dal pilota James Golding che ha colpito un fascio di pneumatici alla chicane della spiaggia.

Gara auto finisce male: terribile incidente

A quel punto il suo bolide si è intraversato prima della curva 11 ed è diventato una specie di “diga” contro cui si sono andare ad infrangere diverse altre vetture che sopraggiungevano. Una vera reazione a catena che ha provocato per fortuna feriti e contusi fra i piloti ma nessuna vittima. Ad avere la peggio secondo i media sono stati lo stesso Golding, Macauley Jones e Nick Percat.

Incendio in pista ed estitntore in tilt

Per un attimo si è temuto anche il peggio perché la Holden di Jones ha successivamente preso fuoco e l’estintore non è partito. Ha detto Golding. “È stato un mio errore, errore umano. Sono salito troppo in alto sul cordolo e quando ne sono uscito ero troppo tardi per recuperare, mi dispiace per tutti gli altri team e piloti coinvolti“. Jones ha detto: “Sto bene. È stato un impatto abbastanza forte e poi la cilecca dell’estintore non è un buon segno”.

Qui sotto potete recuperare le impressionanti immagini dell’incidente.