La Serie B contro le seconde squadre: "Pronti a bloccare il prossimo campionato"

Goal.com
A soli tre anni dal fallimento, e dalla retrocessione in D, il Parma torna in Serie A dopo tre promozioni consecutive: è il primo club a riuscirci.

L'incubo è finito: il Parma torna in Serie A a tre anni dal fallimento

A soli tre anni dal fallimento, e dalla retrocessione in D, il Parma torna in Serie A dopo tre promozioni consecutive: è il primo club a riuscirci.

L'introduzione delle seconde squadre delle società di Serie A nel campionato di Serie C a partire dalla stagione 2018/19 non piace alla Lega di Serie B che, tramite un duro comunicato, ha espresso tutta la propria contrarietà all'iniziativa decisa dalla FIGC.

"Il presidente della Lega B Mauro Balata, riunito il Comitato esecutivo e sentito il Consiglio direttivo, contesta con forza il contenuto ed il percorso seguito dalla Federazione ‘caratterizzato da una totale assenza di confronto e condivisione, oltre che dannoso per la natura e la specificità della Serie B di valorizzazione dei giovani, territorialità dei club e competitività e regolarità del torneo. Con gravissimi danni economici per i club e di interesse per i tifosi, si legge nel comunicato.

Comunicato che continua con la minaccia di un vero e proprio sciopero: "Si è deciso di convocare al più presto un’Assemblea straordinaria al fine di adottare iniziative finalizzate a richiedere la revoca e/o modifica del provvedimento.

Gli organi della Lega B sono in ogni caso mobilitati in sede permanente per adottare ogni iniziativa ritenuta utile per contrastare tale provvedimento anche relativamente ai playoff ed ai playout della corrente stagione sportiva eal blocco del campionato della prossima“.

Potrebbe interessarti anche...