La top 6 dei film più importanti sul calcio

Emiliano Angelucci
·4 minuto per la lettura

Ieri (venerdì 19 marzo, ndr) sono andate in onda, per Sky Cinema, le prime due puntate della nuova serie tv su Francesco Totti, dal titolo Speravo de morì prima. In occasione di un debutto così importante per tutti i tifosi giallorossi e per gli amanti del pallone in generale, abbiamo deciso di stilare questa top 6 dei film più importanti sul gioco del calcio.

Nella Top abbiamo deciso di includere tutti quei lungometraggi che hanno al centro della storia il calcio giocato, ma anche la passione delle varie tifoserie. I documentari non sono compresi nella lista, in quanto rappresentano un genere cinematografico a sè stante. Cominciamo subito!

6. Il campione (2019), regia di Leonardo D'Agostini

Leonardo D'Agostini mette in scena un'opera prima molto forte e davvero ben realizzata. Un giovane fuoriclasse della Roma (Andrea Carpenzano) viene affiancato da un professore di mezz'età (Stefano Accorsi) per cercare di mettere la testa a posto e prendere la maturità. Il ragazzo conduce una vita troppo sregolata, che rischia di rovinare l'immagine della società e la carriera del giocatore. Attraverso una serie di lezioni e non pochi litigi, tra i due si creerà un rapporto maestro-allievo molto particolare, in cui ognuno apprenderà qualcosa dall'altro. Ottimo il lavoro del regista che riesce ad inquadrare in maniera profonda un mondo popolato da giovani che si trovano ad affrontare dimensioni economiche e mediatiche molto più grandi di loro.

5. Sognando Beckham (2002), regia di Gurinder Chadha

Questo film esplora il calcio femminile di inizio millennio. Jess (Parminder Nagra) è una ragazza britannica di origini indiane che ama follemente il calcio. Notata dalla coetanea Jules (Keira Knightley), si unisce alla squadra locale ed entra in contatto con l'allenatore Joe (Jonathan Rhys-Meyers). Ma presto dovrà fare i conti con la sua famiglia molto religiosa, che non tollera vedere la figlia alle prese con uno sport da maschi e che la vorrebbe impegnata in lavori più femminili. Il film cerca di sdoganare l'idea, purtroppo radicata, del calcio come sport puramente maschile. A fare da sfondo a tutta la vicenda c'è l'idolo calcistico dell'epoca, David Beckham.

4. Il maledetto United (2009), regia di Tom Hooper

Dici Brian Clough dici Nottingham Forest. Ma per 44 giorni Clough è stato anche l'allenatore del Leeds United. In questo film, il manager inglese è interpretato magistralmente da Michael Sheen, e racconta l'odio profondo di Clough verso la squadra che si trova in quel momento ad allenare, il Leeds. In queste poche settimane l'allenatore cercherà di smussare il gioco aggressivo e scorretto in campo dei suoi uomini, spinto dal suo orgoglio e dalla sua voglia di vincere. L'opera descrive molto bene il conflitto interiore del manager e soprattutto il suo lato umano che teme il fallimento più di ogni altra cosa.

3. Hooligans (2005), regia di Lexi Alexander

Il film cerca di analizzare le dinamiche del tifo organizzato inglese, in particolare il comportamento degli hooligans, tifosi violenti che hanno popolato per decenni gli spalti degli stadi inglesi. Matt Buckner (Elijah Wood) viene espulso ingiustamente da Harvard e decide di andare a trovare sua sorella a Londra. Qui farà la conoscenza del cognato della sorella Pete Dunham (Charlie Hunnam), accanito tifoso del West Ham e noto holligan. Il giovane Matt si troverà a fare i conti con un mondo violento e tanto distante dal suo, che inevitabilmente gli cambierà la vita. Gli scontri molto realistici nel film rendono questa pellicola una pietra miliare del suo genere.

2. Febbre a 90° (1996), regia di David Evans

Basato sul bestseller di Nick Hornby Fever Pitch, il film racconta la vita di Paul Ashworth (Colin Firth), insegnante di lettere in una scuola superiore con la passione viscerale per l'Arsenal. La pellicola racconta l'inizio dell'amore tra Paul e lo stadio di Highbury e di come la sua vita sia stata sempre condizionata dal calcio. Le vicende si svolgono sullo sfondo del campionato di Premier League 1988-89, che vede l'Arsenal di George Graham favorito. L'incontro con la collega Sarah (Ruth Gemmell) farà capire a Paul che, oltre al pallone, c'è un mondo "che non si ferma a maggio e riparte di nuovo in agosto".

1. Fuga per la vittoria (1981), regia di John Huston

La pellicola è liberamente ispirata alla partita della morte tenutasi a Kiev nel 1942 tra alcuni giocatori di Dinamo e Lokomotiv e alcuni ufficiali tedeschi della Luftwasse. Il film è ancora oggi molto ricordato per la presenza di diversi giocatori famosi, quali Pelè, Bobby Moore e Osvaldo Ardiles. Nel 1942, il prigioniero canadese Hatch (Sylvester Stallone) cerca di organizzare un piano di fuga al termine della partita tra i prigionieri del campo e il comando tedesco. La voglia di riscatto è alla base di questo film, che vanta un cast stellare con attori come Michael Caine, Max Von Sydow e lo stesso Stallone. Assolutamente una perla del genere sportivo.

Segui 90min su Facebook, Instagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo e della Serie A.