La tripla missione di Stefano Pioli al Milan: deve rigenerare tre pilastri della squadra

Francesco Manno

​ Il ​Milan  ha deciso di cambiare allenatore. Via Giampaolo, toccherà a Stefano Pioli cercare di valorizzare al massimo la compagine allestita da Boban e Maldini. Diversi calciatori dei rossoneri, fino a questo momento, non hanno reso come ci ci attendeva. Basti pensare ai vari Piatek, Paquetà e ​Suso .


Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Piatek, a Genova, aveva fatto benissimo. Il presidente del Genoa, Preziosi, cedendolo al Milan aveva scatenato una forte reazione popolare da parte dei tifosi liguri. Al Milan ha deluso finora. Pioli, parlando del polacco in conferenza stampa, ha detto: "Piatek è un attaccante bravo e pericoloso in area, ma per fare bene deve essere aiutato dai compagni di squadra". Come riporta calciomercato.com, Piatek avrà un solo dovere: fare goal. Non gli sarà chiesto di allargarsi.


Paquetà non ha reso con Marco Giampaolo. Stefano Pioli è stato chiaro: "Ha nelle sue corde la capacità di inserirsi e di fare tanti goal. A volte giocherà in mezzo, altre fra le linee: è una mezzala di qualità".


Suso è stato sempre utilizzato con Giampaolo, ma il suo rendimento non è stato sufficiente. Queste le parole di Pioli: "Ha grandi qualità, ma deve essere messo nelle condizioni di potere giocare uno contro uno". A Pioli il compito di rigenerarlo.

90min sbarca su Telegram: iscriviti al nostro canale per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo del Milan e della Serie A.

Potrebbe interessarti anche...