La valutazione di Arthur può essere un problema: due strade per l'addio alla Juventus

·1 minuto per la lettura

Con il probabile arrivo di Manuel Locatelli, la Juventus potrebbe far partire Arthur. Il brasiliano, arrivato a Torino nell'ambito dello scambio con Miralem Pjanic direzione Barcellona, è considerato cedibile dalla dirigenza bianconera. Anche se la sua valutazione rischia di diventare un problema.

Arthur | Nicolò Campo/Getty Images
Arthur | Nicolò Campo/Getty Images

Nella trattativa con il club catalano, infatti, Arthur era stato valutato 72 milioni di euro (con il bosniaco valutato 60) e questo lo porta a pesare ancora circa 60 milioni sul bilancio del club bianconero. Secondo Calciomercato.com una cessione a titolo definitivo in cambio di cash è quasi da escludere, dato che è praticamente impossibile che qualcuno offra la cifra di cui la Juve ha bisogno per non registrare una minusvalenza (ovvero, appunto, 60 milioni).

Per il portale, dunque, le opzioni per l'addio sono due: cederlo in prestito o inserirlo in un altro scambio. "Nel primo caso si dovrebbe cercare di coprire almeno ingaggio e ammortamento con una soluzione onerosa" si legge, mentre nel secondo, intavolando uno scambio con un altro giocatore, si rischierebbe di cadere nuovamente nell'errore di gonfiare la valutazione di quest’ultimo e di creare un nuovo 'caso Arthur'. La situazione resta da decifrare.

Segui 90min su Telegram per rimanere aggiornato sulle ultime novità.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli