L'agente di Milinkovic: 'Juve e Milan lo amano, ma Lotito chiede troppo. Resta alla Lazio, sul rinnovo…'

Mateja Kezman fa il punto sul futuro di Sergej Milinkovic-Savic. L'agente del centrocampista serbo della Lazio ha dichiarato in un'intervista al Corriere dello Sport: "Se non avverranno miracoli in questi ultimi tre giorni di mercato, resterà alla Lazio. Fino a quando lo dirà il tempo. Quest'estate nessun club è stato pronto a pagare quanto chiesto da Lotito, quindi penso che la situazione non cambierà. Non è facile accontentare Lotito, dopo la grande stagione di Sergej ho pensato che al 100% sarebbe arrivato un club con un'offerta. Ma a causa del Covid e della guerra la situazione è cambiata. I club italiani ora non possono permetterselo. Quelli all'estero mostrano un grande interesse, ma quando capiscono di quanti soldi c'è bisogno questo diventa un problema. Parlo spesso con Lotito, lui ci capisce, ma anche noi lo capiamo. A volte mi arrabbio per le sue decisioni. Ha investito, ha aiutato Sergej insieme a Tare e Inzaghi a diventare uno dei migliori. Decide per il suo club. Parlava di circa 100 milioni e se si guarda come gioca Sergej forse aveva ragione. Ma la Lazio non ha vinto grandi trofei in Europa quindi posso dire che 100 milioni sono troppi. Ripeto, lui è il capo. Il giocatore ha un contratto top, lo rispettiamo".

SUL RINNOVO - "Con Sergej parliamo tutti i giorni. E' stato informato di tutto, capisce la situazione ed è motivato nel continuare la sua vita nella Lazio. Sa che un giorno vivrà una nuova avventura, merita di provarne. A gennaio ci saranno rischi? Nessuno lo sa. Tutto dipende dai Mondiali, tutto è possibile. Il rinnovo del contratto in scadenza a giugno 2024? Restano pochi giorni di mercato e non c'è tempo per discutere del contratto. Abbiamo molto tempo davanti, c'è il Mondiale. Il futuro sarà per i colloqui".

SIRENE INGLESI - "Il Manchester United? Sergej suscita tanto interesse. Ci sono stati molti discorsi in passato e di recente, ma le cose non sono successe per molte ragioni. Il Chelsea? A Tuchel il giocatore piace molto, ma gli serviva un centrale. Arsenal e Newcastle? A essere onesti Sergej e io pensiamo che queste opzioni non siano per lui. In futuro vorrà giocare ogni stagione in Champions".

IN ITALIA - "Tutti nella Juve amano il giocatore. Ne ho parlato molto spesso in passato. Ma la realtà, in questo momento, è che il progetto Sergej è troppo costoso per loro. Sono stati chiari e corretti. Lo stesso vale per il Milan. Pioli ama il giocatore, tutti nel club. Ho un grande rispetto per Maldini, prima come giocatore e ora come manager, persona onesta e schietta".