L'ammissione di Djokovic: "Non ho rispettato l'isolamento da positivo"

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·1 minuto per la lettura
In questo articolo:
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
djokovic
djokovic

Non è ancora finita la querelle tra il tennista Novak Djokovic e l’Australia. Il serbo sui social ammette: “Non ho rispettato l’isolamento.”

Australian Open, Novak Djokovic e l’ammissione via social: il post

Ecco il lungo post social pubblicato dal numero uno del mondo del tennis che ha deciso di rompere finalmente il silenzio: Voglio chiarire quanto viene continuamente riportato in maniera erronea a proposito delle mie attività e della mia presenza ad alcuni eventi in dicembre nell’immediata vigilia del risultato positivo al test PCR. Queste notizie non veritiere devono essere corrette, soprattutto per fugare le perplessità sulla mia presenza in Australia, e per puntualizzare alcuni aspetti che sono molto dolorosi e preoccupano la mia famiglia.”

Australian Open, Novak Djokovic e l’ammissione via social: la timeline

Nole fa chiarezza sui giorni in cui ha contratto il virus e ammette di aver commesso degli errori: “Ho assistito a una partita di basket a Belgrado lo scorso 14 dicembre dopo la quale mi è stato detto che parecchi individui sono risultati positivo al COVID-19. Nonostante non avessi alcun sintomo, ho fatto un test antigenico il 16 dicembre ed è risultato negativo, e per essere ancora più sicuro, lo stesso giorno mi sono sottoposto ad un test PCR ufficiale. Il giorno seguente ho partecipato a un evento tennistico a Belgrado per consegnare premi ad alcuni bambini e ho fatto un test antigenico rapido prima di partecipare all’evento. Il test è risultato negativo. Ero asintomatico e mi sentivo bene, e non ho ricevuto la notifica del risultato positivo del test PCR fino a dopo la fine di quell’evento. Il giorno seguente, il 18 dicembre, ero al mio centro tennis a Belgrado per assolvere ad un impegno che avevo preso tanto tempo prima con l’Equipe per una intervista e un servizio fotografico. Ho cancellato tutti gli altri eventi per la giornata, tranne l’intervista con l’Equipe. Mi sentivo in obbligo di procedere con l’intervista con l’Equipe perché non volevo deludere i giornalisti, ma mi sono assicurato di essere rimasto a debita distanza ed ho indossato la maschera ad eccezione dei momenti nei quali sono state scattate le fotografie. Mentre tornavo a casa dopo l’intervista per procedere al mio isolamento, ho valutato di aver commesso un errore di giudizio e sono pronto ad accettare che avrei dovuto rimandare l’impegno.”

Australian Open, Novak Djokovic e l’ammissione via social: la voglia di giocare

Infine il tennista serbo si concentra sull’iscrizione al torneo e il suo viaggio in Australia, con un unico obiettivo nella testa: vincere gli Australian Open. “Stiamo attraversando un periodo molto difficile in questa pandemia e qualche volta questi errori possono accadere. Oggi il mio team ha fornito informazioni supplementari al Governo australiano per chiarire questa questione. Sebbene ritengo sia stato importante puntualizzare questi aspetti e chiarificare le informazioni errate che circolano, non faro più alcuna dichiarazione per rispetto al Governo australiano, alle loro autorità e al processo in corso. È sempre un onore e un privilegio giocare all’Australian Open. Questo torneo è adorato dai giocatori, dai tifosi e dalla comunità, non solamente in Victoria e in Australia, ma in tutto il mondo, e voglio avere la possibilità di competere contro i migliori giocatori del mondo ed esibirmi davanti a uno dei migliori pubblici del mondo.”

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli