L'Argentina vince la Coppa America: Brasile battuto per 1-0

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·3 minuto per la lettura
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
L'Argentina vince la Coppa America
L'Argentina vince la Coppa America

L’Argentina ha battutto il Brasile nella finale di Coppa America, tornando ad aggiudicarsi il trofeo dopo un digiuno durato 28 anni. E l’ha fatto nel tempio del calcio brasiliano, il Maracanà, dove la Seleçao non perdeva dal 1998.

Il goal vittoria è stato segnato da Di Maria su assist di De Paul, ma è stata la notte di Leo Messi che, dopo 14 anni di tentativi, finalmente è riuscito a trionfare in un’importante competizione anche con i colori albicelesti.

Trionfo dell’Argentina in Coppa America, indovinati gli azzardi di Scaloni

Sorpresa nella formazione iniziale per la nazionale argentina. Il commissario tecnico Leonardo Scaloni, oltre a rilanciare Romero al centro della difesa nonostante le sue condizioni non ottimali, ha variato quattro giocatori rispetto a quelli che hanno battuto la Colombia in semifinale: Montiel per Molina, Acuna per Tagliafico, Paredes per Rodriguez e Di Maria per Gonzalez.

Gli azzardi di Scaloni si sono da subito rivelati indovinati, soprattutto quello riguardante Di Maria, che al 21esimo minuto ha realizzato la rete che ha sbloccato il risultato. Ed è stato dalla sua parte che l’Argentina si è dimostrata più spesso pericolosa, grazie alla rapidità e alla spinta costante del calciatore del Paris Saint-Germain, capace di prendere il tempo a un Lodi non privo di responsabilità sul goal.

Trionfo dell’Argentina in Coppa America, 1-0 sul Brasile con goal di Di Maria

La partita è iniziata con un ritmo lento, con Brasile e Argentina impegnate a studiarsi e a fare una serie di falli, soprattutto nei primi 30 minuti, spesso ignorati con troppa leggerezza dall’arbitro, ma responsabili di un gioco frammentato.

La Selección ha sfruttato in modo ottimale gli spazi concessi dagli avversari, soprattutto sulla corsia di destra, colpendo al primo tentativo, con un preciso lancio di De Paul di 40 metri, controllato con il sinistro da Di Maria, che con un morbido pallonetto non ha lasciato scampo a Ederson.

Se nel primo tempo il Brasile non si è mai reso pericoloso, anche grazie alla compatta difesa guidata da Romero e Otamendi, nel secondo ha tentato di sorprendere l’Argentina, chiusa a riccio con una difesa a cinque, in particolare con Richarlison, al quale al 53esimo il Var ha annullato un goal per fuorigioco.

Trionfo dell’Argentina in Coppa America, Leo Messi: “Dio mi stava preparando questo momento”

“È pazzesco. Non è possibile spiegare la felicità che sto provando. Ho provato tristezza altre volte, ma sapevo che a un certo punto sarebbe successo. Sento che Dio mi stava preparando questo momento, contro il Brasile in finale e nel loro Paese”: queste le parole di Leo Messi, capitano dell’Argentina, dopo la vittoria.

“Avevo bisogno di togliermi la spina per conquistare qualcosa con la nazionale. Il nostro obiettivo era chiaro e siamo stati riusciti a diventare campioni. Tante volte l’ho sognato. Ho detto a Di Maria che oggi si sarebbe preso la sua rivincita ed è andata così. Voglio condividerlo con quei compagni che tante volte ci sono andati vicini. Questo è anche per loro. Grande merito va al ct. Ha sempre voluto il meglio per la nazionale. Ha saputo mettere insieme una squadra vincente”, ha concluso l’attaccante.

Leggi anche: Spinazzola sarà a Wembley per la finale Italia-Inghilterra

Leggi anche: La lettera degli eroi del Mundial 1982 a Roberto Mancini

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli