L'Atletico congela Morata, la Juve accelera per Kostic: la richiesta dell'Eintracht, il progetto di Allegri

Mentre Angel Di Maria sfrutta tutto il tempo possibile prima di dare alla Juve la risposta che aspetta da tempo (possibilmente positiva dopo l'offerta al rialzo su base annuale), il club bianconero tiene in ghiaccio tutte le possibili alternative. E allo stesso tempo prepara l'affondo per Filip Kostic, che al contrario è visto come obiettivo complementare all'argentino, essendo nello scacchiere di Max Allegri stato individuato come alternativa a un altro giocatore per quanto con caratteristiche completamente diverse: Alvaro Morata. Il gelo piombato sull'asse con l'Atletico ha convinto la Juve a dare il via all'agente Alessandro Lucci per avviare una volta per tutte la trattativa con l'Eintracht Francoforte. Incassando inizialmente una sgradita sorpresa per quanto la sensazione rimanga una soltanto: se la Juve vuole, Kostic lo prende.

LA SITUAZIONE – Raggiunta da tempo un'intesa di massima sulla base di un triennale da 2,5 milioni netti a stagione (ingaggio basso e per di più con il vantaggio del Decreto Crescita), intanto Kostic lascia nel cassetto la proposta di rinnovo da parte dell'Eintracht continuava anche a spingere per una nuova avventura in Italia. Mentre l'entourage del giocatore parlava con la Juve (non solo) di un'operazione da circa 15 milioni. Ma la prima richiesta del club tedesco è stata in realtà ben più alta, 25 milioni: una distanza ampia su cui però poter lavorare senza grossi ostacoli, dati gli ottimi rapporti sviluppati nel tempo con Kostic. Parti al lavoro insomma, se la Juve vuole Kostic arriva. Con o senza Di Maria. Servono ali forti e pronte per innescare Dusan Vlahovic, il serbo in tal senso sembra una garanzia.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli