De Laurentiis sta con Dazn: 'In Italia ritardi per colpa di Berlusconi. Se non si iniziava, tra tre anni era uguale'

·1 minuto per la lettura

Aurelio De Laurentiis sta dalla parte di Dazn. Il Presidente del Napoli, nel corso di un convegno all'Itis Galilei di Roma, è intervenuto sulle polemiche delle ultime settimane riguardo il servizio offerto dalla piattaforma OTT. Queste le parole riprese da Il Sole 24 Ore: “Siamo sempre in ritardo noi italiani. Io mi sono battuto per andare su Dazn, facendo incazzare anche i colleghi, perché è vero che noi avremo problemi, vedremo male ecc. ma noi grazie al signor Berlusconi non abbiamo sviluppato la rete come negli altri paesi europei e siamo indietro".

GUARDARE AVANTI - "Se noi non iniziamo e continuiamo ad andare sul satellite con Sky, tra tre anni dovremo ripartire da capo. Invece abbiamo Draghi che è un uomo intelligente che ci tiene a questo e Colao (Ministro per l'innovazione tecnologica e la transizione digitale, ndr) che ne capisce, stimoliamoli e facciamo implementare la rete per essere competitivi come già avviene negli altri paesi europei".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli