Lazio in ansia per Sarri, la firma ancora non c'è: la situazione

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·1 minuto per la lettura
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

In casa Lazio, ma soprattutto tra i suoi tifosi, sono ore di grandissima attesa per Maurizio Sarri. Da giorni ormai il nome del tecnico è balzato in pole per sostituire Simone Inzaghi, ufficialmente nuovo tecnico dell'Inter. E a Formello, dove dopo l'incontro tra Claudio Lotito e Sarri regnava l'ottimismo di una trattativa praticamente definita, ora qualche sicurezza è venuta meno.

Claudio Lotito, presidente della Lazio | Emilio Andreoli/Getty Images
Claudio Lotito, presidente della Lazio | Emilio Andreoli/Getty Images

Lo ha rivelato l'edizione odierna de Il Messaggero, dando la "colpa" allo stesso presidente della Lazio che, dopo aver offerto a Sarri un contratto da 3,3 milioni di euro più bonus è sceso a 3 + 1 di bonus. Niente di insormontabile, chiaramente, ma ora l'ex Juve e Chelsea riflette anche per il pressing sotto traccia operato dal Tottenham alla ricerca del sostituto di Jose Mourinho. E colui che si occuperà della ricerca, per gli Spurs, sarà Fabio Paratici, ex direttore sportivo della Juve che ha già lavorato con Sarri.

Maurizio Sarri | Alessandro Sabattini/Getty Images
Maurizio Sarri | Alessandro Sabattini/Getty Images

L'allenatore è tornato nella sua casa in Toscana per ragionare sui nuovi termini, dopo aver già parlaro dei possibili (tanti) rinforzi per il suo 4-3-3 in "salsa" biancoceleste, oltre che dei tanti esuberi, già fuori dai programmi con Simone Inzaghi. In una maniera o nell'altra, per Sarri alla Lazio, bisognerà ancora attendere.

Segui 90min su Instagram.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli