Lazio, c'è subito un giallo: Luis Alberto non si è presentato alle visite

·1 minuto per la lettura
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Il raduno fissato per oggi a Formello, che precede la partenza per il ritiro di Auronzo di Cadore di sabato (che durerà fino al prossimo 28 luglio) si tinge immediatamente di giallo in casa Lazio. Tra i calciatori chiamati a presentarsi nel tardo pomeriggio di ieri all'Isokinetic per svolgere i primi test medici non c'era Luis Alberto. Il fantasista spagnolo, che aveva saltato l'ultima giornata dello scorso campionato per squalifica, aveva dunque avuto la possibilità di iniziare le vacanze prima dei propri compagni di squadra e dal suo entourage non sarebbero arrivate comunicazioni circa la sua mancata presenza nella giornata di ieri.

LA VERSIONE DELLA LAZIO - Così come non risultano prese di posizione da parte della Lazio, che nelle scorse ore ha cercato di ridimensionare la portata della vicenda, parlando di qualche giorno di permesso in più concesso a Luis Alberto, non nuovo a bizze e comportamenti sopra le righe durante la sua avventura in biancoleste. Già in passato lo spagnolo aveva vissuto momenti di forte tensione con Lotito e Tare per il rinnovo del contratto poi stipulato lo scorso anno e con scadenza nel giugno 2025. Da parte della società non sono arrivate conferme nemmeno sul fatto che il giocatore possa presentarsi tra oggi e domani per aggregarsi al resto della squadra a Formello: un segnale di tensione che potrebbe essere legato al desiderio di cambiare aria dopo 5 anni, con la Lazio impegnata in un tentativo di mediazione per impedire che l'era Sarri nasca subito con un enorme problema.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli