Lazio-Milan 3-0, le pagelle dei rossoneri: si salvano Kessie, Donnarumma e Saelemaekers. Male Mandzukic e Tomori

Antonio Parrotto
·2 minuto per la lettura

E' terminata la partita tra Lazio e Milan, partita della 33ª giornata di Serie A, stagione 2020/2021. Di seguito le pagelle della formazione allenata da Stefano Pioli.

G. Donnarumma 7 - Trafitto dal Tucu Correa ma due grandissimi interventi, prodigioso il primo su Immobile, da 5-6 metri (va giù con una velocità incredibile), e poi sul diagonale di Correa nel secondo tempo.

Calabria 6 - Pattuglia con disciplina la corsia di destra attaccando ma soprattutto difendendo con la medesima abnegazione.

(Dal 69') Dalot 6,5 - Entra per provare a dare una scossa e maggiore imprevedibilità alla fase offensiva. Buono il suo approccio, crea diverse situazioni interessanti.

Kjær 5,5 - Fa a sportellate con gli attaccanti avversari e qualche volta va in affanno anche lui, specie in campo aperto.

(Dal 73') Romagnoli 6 - Si rivede a un mese e mezzo dall'ultima volta. Potrà dare una mano nel finale di stagione.

Tomori 5 - Non in grande serata, come gran parte della squadra. Qualche giocata difensiva sbagliata, specie in occasione dei due gol realizzati dal Correa.

Hernández 5 - Recuperato nelle ultime ore, dimostra di non essere al 100%. Tanti errori nel primo tempo, anche in impostazione. Poche sgroppate. E in difesa va in difficoltà con Lazzari che vince il duello.

Theo Hernandez | Giampiero Sposito/Getty Images
Theo Hernandez | Giampiero Sposito/Getty Images

Bennacer 5 - Sbaglia partita. Meno brillante rispetto alle ultime uscite. Da uno come lui è lecito attendersi di più. Diversi errori in fase di palleggio, anche decisivi (in negativo). Non dà copertura alla difesa e Pioli lo toglie dal campo.

(Dal 70') Tonali 6 - Fa vedere di avere delle doti importanti anche in velocità, coprendo su Luis Alebrto.

Kessie 6,5 - Uno degli ultimi a mollare. Gioca una partita solida. A lui il compito di recuperare palla, che svolge in maniera precisa e pulita.

Saelemaekers 6,5 - Parte in sordina, poi cresce e diventa decisivo con il suo movimento. Mette in difficoltà i suoi avversari nella seconda parte del primo tempo, nel momento migliore dei rossoneri.

(Dal 63') Brahim Diaz 5,5 - Non riesce a imprimere quel cambio di passo sperato alla manovra milanista.

Çalhanoğlu 5,5 - Dopo pochi secondi non trova il possibile gol del vantaggio e poi si divora il possibile gol dell'1-1. Peccato perché la prova è di grande sacrificio ma incidono gli errori in zona gol.

Rebić 5 - Giornata complicatissima per l’attaccante croato che non riesce quasi mai a trovare la posizione corretta per far male.

Mandžukić 5 - Non giocava titolare in A da 751 giorni. Gioca nel vecchio ruolo da centravanti ma capisce sin da subito che non sarebbe stata una serata facile. Una conclusione verso lo specchio e poco più.

(Dal 63') Leao 5 - Non la prende mai di fatto.

Segui 90min su Instagram.