Lazio, retroscena di Alessandro Moggi: "Proposi Cristiano Ronaldo a Cragnotti ma il presidente rifiutò"

Niccolò Mariotto
·1 minuto per la lettura

Cristiano Ronaldo in passato sarebbe potuto diventare un giocatore della Lazio. A riportare questo clamoroso retroscena di mercato è l'agente Alessandro Moggi nel corso di Tiki Taka, trasmissione a cura di Piero Chiambretti in onda ieri sera sulle reti Mediaset.

Cristiano Ronaldo | Stefano Guidi/Getty Images
Cristiano Ronaldo | Stefano Guidi/Getty Images

Anni fa, quando il club biancoceleste era ancora di proprietà di Sergio Cragnotti, gli agenti della GEA proposero un giovanissimo Cristiano Ronaldo al numero uno della Lazio il quale però rifiutò il talento portoghese dichiarando di non essere interessato. Nei piani dell'imprenditore romano infatti c'era ben altro giocatore: nei piani del presidente c'era Ronaldo il Fenomeno, al tempo uno dei migliori giocatori in circolazione a livello mondiale.

Sergio Cragnotti | Alessandro Sabattini/Getty Images
Sergio Cragnotti | Alessandro Sabattini/Getty Images

"Cristiano Ronaldo proposto alla Lazio? Confermo assolutamente. Fummo noi della GEA a portare la cosa sul tavolo di Sergio Cragnotti ma all'epoca Cristiano era un giovane ragazzo di grandi speranze di 18 o forse addirittura 17 anni e la risposta del presidente fu negativa. Cragnotti disse che voleva il vero Ronaldo, il Fenomeno. Anche un presidente grande e illuminato può sbagliare", queste le parole di Moggi a riguardo.

Segui 90min su Facebook, Instagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo della Serie A.