Lazio, Sarri punta tutto su Luis Alberto e Milinkovic: i due top 'quasi' incedibili

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·3 minuto per la lettura
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Sta per iniziare un nuovo ciclo in casa Lazio. Mister Sarri e il suo staff sono pronti a prendere le redini del club capitolino. La nuova filosofia di calcio dopo la prospera gestione Inzaghi entrerà in scena domani e dopodomani, primi giorni di pre-ritiro con le visite mediche previste in Paideia per i biancocelesti. Tra i calciatori attesi nella clinica di riferimento per i test di rito ci sono anche i due gioielli del centrocampo, Luis Alberto e Milinkovic.

INCEDIBILI, O QUASI – Dopo una lunga attesa e dei flebili contatti telefonici, finalmente Sarri potrà abbracciare i suoi due top player della linea mediana. Uno dei paletti posti alla società dal tecnico di Castelfranco di Sopra è stato proprio quello di mantenere a tutti i costi (o quasi) sia il Mago che il Sergente. La Lazio del futuro fiorirà proprio da loro, i due fari del centrocampo biancoceleste. Il “quasi incedibili” deriva dal fatto che entrambi piacciono a molte squadre e di fronte ad un’offerta monstre il club farà le sue riflessioni.

CAPITOLO MAGO – Per Luis Alberto al momento solo fuochi di paglia. Il Mago era il sogno proibito del suo ormai ex mister Inzaghi all’Inter, ma i nerazzurri hanno optato per Calhanoglu, decisamente più accessibile economicamente. Poi c’è il Siviglia, sempre vigile, ma per ora è un’ipotesi remota. Lotito difficilmente scenderà sotto la richiesta di 60 milioni di euro per lui. Così, dopo i soliti esercizi di yoga, i festeggiamenti per i 30 anni della moglie Patricia e i 29 dell’amico Alberto Moreno, Luis Alberto è pronto per un nuovo capitolo della sua carriera con la maglia biancoceleste, sempre da attore principale.

CAPITOLO SERGENTE – Qualche sirena in più è suonata per Milinkovic. Il numero 21 biancoceleste mentre si è rilassato a pescare e si è allenato sulla speed resistance col paracadute, qualche sondaggio l’ha ricevuto. La sua valutazione è ancor più proibitiva di Luis Alberto. Lotito ne chiede 100 di milioni per il Sergente. Al momento è ancora in stand-by l’incontro tra il suo agente Kezman e la Lazio. Il sogno nel cassetto di Milinkovic, si sa, è quello di vestire la maglia del Real Madrid un giorno, ma per ora dai Blancos nessun segnale. Da Liverpool, sponda Reds, qualche chiamata c’è stata, ma il club inglese sarebbe disposto ad offrire meno (voci di corridoio parlano di una cifra tra i 70 e gli 80 milioni), ma l'affondo non c'è mai stato.

I PIANI DI SARRI –Al momento l’intenzione è quella di puntare sul 4-3-3, ma nella rosa della Lazio non ci sono ali, perciò vedremo cosa ci porterà il mercato” ha detto Sarri a Sportitalia. Il tecnico di Castelfranco di Sopra ha confermato che punterà subito sul 4-3-3, magari virando in corsa sul 4-3-1-2. Luis Alberto viste le qualità verrà provato anche come trequartista. Si era parlato di un arretramento in cabina di regia, ma al momento sia il Mago che Milinkovic sono previsti come mezzali, con Leiva a sorvegliare le loro spalle. Nel cuore della mediana Sarri toccherà poco. L’assetto preparato da Inzaghi in precedenza è già di gradimento per il Comandante.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli