Le condizioni della Juventus per il rinnovo di Dybala

Francesca D'Amato
·1 minuto per la lettura

È tempo di rinnovare i contratti per le società di Serie A. Le scadenze si avvicinano e in particolar modo la Juventus non vuole rinunciare ai suoi gioielli. Per gioielli, ovviamente, si intende la Joya Dybala. Il suo contratto è in scadenza a giugno 2022 e il suo futuro non sembra essere legato ai colori bianconeri. L'entourage dell'argentino ha presentato delle richieste troppo esose, per una società che ora come ora deve combattere con i problemi finanziari legati alla crisi sanitaria. La Juventus è stata chiara: non asseconderanno le richieste, ma non scaricheranno neanche Paulo. La Vecchia Signora vuole continuare con il classe '93, solo nel momento in cui l'ingaggio sia sostenibile per le classe del club. Agnelli offre un contratto da top 20, mentre Dybala ne vorrebbe uno da top 5. Insomma, vorrebbe un trattamento da top player.

Agnelli, Dybala, Juventus | Jonathan Moscrop/Getty Images
Agnelli, Dybala, Juventus | Jonathan Moscrop/Getty Images

Ora come ora, Dybala percepisce 7,3 milioni di euro netti a stagione. Più di lui solo De Ligt e Ronaldo. La valutazione dei propri giocatori è cambiata per ogni club. Per la Juventus il valore del cartellino dell’argentino è calato di molto. Oggi, anche a causa della situazione contrattuale, la sua quotazione è stimata intorno ai 60-70 milioni di euro. Dybala nella prossima stagione graverà nei conti bianconeri per 5,5 milioni di euro, ingaggio escluso. Ciò significa che la società bianconera ha ormai del tutto ammortizzato l'investimento dell'argentino. Dunque sono tre i possibilità scenari per l'attaccante bianconero: la cessione, il rinnovo in base alle disposizioni della Juventus, oppure lasciare il club a parametro zero.

Segui 90min su Facebook, Instagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo della Juventus e della Serie A.