Le eliminazioni più clamorose nella storia degli Europei

·4 minuto per la lettura

Le previsioni e i pronostici, si sa, hanno la caratteristica particolare di essere destinati a crollare di fronte alla realtà dei fatti: Euro 2020 non sta facendo eccezione e ha già regalato l'eliminazione di squadre più che mai quotate, oltre all'Olanda fatta fuori dalla Repubblica Ceca è infatti maturato il clamoroso addio della Francia all'Europeo da favorita numero uno per il successo finale.

Ripercorrendo la storia più o meno recente degli Europei salta comunque all'occhio una certa frequenza di eliminazioni inattese e flop certo non pronosticabili, ecco dunque i casi più eclatanti e memorabili dal 1980 (con l'introduzione dei gironi nell'ambito della fase finale) al 2016:

1. Euro 2016: Inghilterra

Delusione inglese | Lars Baron/Getty Images
Delusione inglese | Lars Baron/Getty Images

Ironia in nome della Brexit nel curioso incrocio tra politica e pallone: l'Islanda veste i panni della sorpresa a Euro 2016 arrivando fino ai quarti di finale e superando agli ottavi un avversario sulla carta infinitamente superiore come l'Inghilterra. Succede tutto in avvio: inglesi avanti dopo quattro minuti ma Sigurdsson e Sigthorsson ribaltano il risultato in un quarto d'ora, sancendo un'impresa memorabile per una realtà fin lì del tutto marginale nel calcio di alto livello e spegnendo le consuete (e mai nascoste) ambizioni inglesi.

2. Euro 2012: Olanda

Flop olandese | Julian Finney/Getty Images
Flop olandese | Julian Finney/Getty Images

L'Olanda arriva a Euro 2012 da finalista dei Mondiali del 2010 e, pur in un girone di ferro, è circondata da aspettative importanti. Niente insomma che faccia immaginare un girone concluso con zero punti, tre sconfitte contro Danimarca, Germania e Portogallo a sancire un vero e proprio fallimento sportivo per una squadra che poteva contare su elementi del calibro di Sneijder, Robben e Van Persie.

3. Euro 2008: Francia

Francia eliminata | Phil Cole/Getty Images
Francia eliminata | Phil Cole/Getty Images

Francia e Italia, finaliste dei Mondiali del 2006, si trovano già al girone (insieme peraltro all'Olanda) e a farne le spese sono proprio i Bleus: pareggio per 0-0 con la Romania, pesante 1-4 contro l'Olanda e 0-2 finale contro gli Azzurri. Un totale di un solo punto che porta dunque all'eliminazione di una squadra ricca di elementi di livello come Henry, Ribery e un giovane Benzema.

4. Euro 2004: Italia, Spagna, Germania e Francia

Il tragico biscotto | Alex Livesey/Getty Images
Il tragico biscotto | Alex Livesey/Getty Images

Edizione decisamente nefasta per numerose squadre di primo piano, un Europeo sorprendente fino alla fine considerato il successo della Grecia. Eliminate già ai gironi Italia, Spagna e Germania: per gli Azzurri sono gli Europei del "biscotto" mai digerito tra Svezia e Danimarca, la Spagna dal canto proprio si trova estromessa nel girone per il minor numero di gol fatti rispetto alla Grecia, la Germania infine arriva terza nel girone caratterizzato da una Repubblica Ceca a punteggio pieno. Ma le sorprese non finiscono: ai quarti la Grecia, trascinata da Charisteas, fa fuori la Francia.

5. Euro 2000: Inghilterra e Germania

Dorinel Munteanu | Shaun Botterill/Getty Images
Dorinel Munteanu | Shaun Botterill/Getty Images

Il gruppo A di Euro 2000 si rivela il girone delle sorprese, con Inghilterra e Germania entrambe eliminate ancor prima della fase a eliminazione diretta per mano di Portogallo e della rivelazione Romania, capace di battere per 3-2 gli inglesi di Beckham, Shearer e Owen nell'ultima giornata del girone e di fermare sul pareggio la Germania al debutto.

6. Euro 1996: Italia

Gianfranco Zola | Shaun Botterill/Getty Images
Gianfranco Zola | Shaun Botterill/Getty Images

Sono gli Europei inglesi, quelli del turnover massiccio di Sacchi più che mai criticato e della rivelazione Repubblica Ceca. Azzurri fuori già nei gironi proprio a causa della sconfitta contro Nedved e compagni, capaci poi di arrivare in finale. Resta il rimpianto del rigore sbagliato da Zola contro la Germania, un'occasione che avrebbe potuto consegnare all'Italia il successo e il passaggio ai quarti.

7. Euro 1992: Francia e Inghilterra

Francia-Danimarca | Shaun Botterill/Getty Images
Francia-Danimarca | Shaun Botterill/Getty Images

Europeo storico, l'ultimo a otto squadre, reso memorabile grazie al trionfo finale della Danimarca, ripescata al posto della Jugoslavia per la crisi politica che ne comportò lo scioglimento. Una Danimarca artefice dell'eliminazione della Francia, battuta per 2-1 nell'ultima sfida del girone, e dell'Inghilterra, fermata sullo 0-0.

8. Euro 1988: Inghilterra

Inghilterra-Olanda | Getty Images/Getty Images
Inghilterra-Olanda | Getty Images/Getty Images

Anche l'Europeo precedente non sorride alle ambizioni inglesi e anzi comporta un fallimento ancor più clamoroso: zero punti nel girone per Lineker e compagni con una sconfitta del tutto inattesa, e sportivamente tragica, contro l'Irlanda al debutto nel torneo.

9. Euro 1984: Germania Ovest

Rummenigge | AFP/Getty Images
Rummenigge | AFP/Getty Images

La Germania Ovest, vincitrice dell'edizione precedente, gode dei favori del pronostico ma non riesce a superare la fase a gironi nonostante il successo sulla Romania. Fondamentale il pareggio senza reti contro il Portogallo, al debutto, e ancor di più decisiva la sconfitta contro la Spagna per mano di Maceda all'ultimo minuto.

10. Euro 1980: Inghilterra, Olanda e Spagna

Spagna a Euro 1980 | Getty Images/Getty Images
Spagna a Euro 1980 | Getty Images/Getty Images

Ben tre vittime eccellenti già ai gironi, con Olanda, Spagna e Inghilterra rimaste fuori dalla finale e dalla finale per il terzo posto (a cui si accedeva in base alla posizione nel proprio gruppo). Fatale per l'Olanda la sconfitta contro la Germania Ovest, poi vittoriosa, mentre Spagna e Inghilterra pagano le sconfitte rimediate contro Belgio e Italia.

Segui 90min su Instagram e Twitch!

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli