Leclerc "consulente" moto Bad Winner per la Apex 2.0

Roberto Chinchero

Nel decennio 2000-2009, caratterizzato in Formula 1 dal massiccio ingresso di Case ufficiali, ai piloti (soprattutto i top-driver) non erano concesse al di fuori dalle piste nessun tipo di attività che potessero mettere a rischio l’incolumità fisica.

Le clausole erano moltissime: niente sci, niente attività motoristiche alternative ed ovviamente niente moto.

Dieci anni dopo la pressione sui piloti si è affievolita: oggi vediamo Valtteri Bottas prendere parte a dei rally, Lewis Hamilton che si cimenta in pista con la Yamaha M1 di MotoGP, ed anche altri piloti non nascondono più come in passato la passione per le due ruote.

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

L’ultimo top-driver a rivelare l’amore per le moto è stato Charles Leclerc, che si è concesso per Natale un regalo molto speciale con una genesi singolare.

Come molti appassionati di ‘special’, il ferrarista seguiva sui canali social i lavori dell’officina Bad Winners, ed ha deciso di inviare un messaggio sul profilo Instagram dell’azienda parigina, chiedendo se fosse possibile avere una delle loro ‘special’ basata anche sui suggerimenti dello stesso Leclerc.

“Ho pensato fosse un messaggio spam – ha confessato Walid, il responsabile di Bad Winners - Charles mi ha detto che ci seguiva da un po’ e che gli piacevano le nostre moto, poi mi ha chiesto se potevamo costruirne una per lui… beh, non sapevo se crederci, ma in seguito mi ha chiamato al telefono ed era davvero lui!”.

Le indicazioni di Leclerc sono state molto chiare: una ‘special’ derivata da “The Apex”, una custom realizzata tre anni fa su base Yamaha FZS 600, ma costruita partendo da una nuova Husqvarna Vitpilen 701.

Un lavoro certosino, con alcune componenti realizzate con stampanti 3D e un largo utilizzo di carbonio, compresi i cerchi realizzati dallo specialista britannico Dymag su suggerimento dello stesso Leclerc.

Alla fine è nata quella che in Bad Winners hanno battezzato la “Apex 2.0”, un risultato che ha soddisfatto molto Charles e ha raccolto consensi anche tra i fans che seguono l’azienda francese, tanto che è stato deciso di mettere in vendita il kit anche al pubblico con quattro varianti di customizzazione il cui prezzo varia da 14.700 a 21.000 euro.

Lo ‘Stage 4’, quello più costoso, propone esattamente la personalizzazione che permette di rendere la propria Vitpilen uguale a quella di Leclerc.

Apex 2.0 Husqvarna Vitpilen 701

Apex 2.0 Husqvarna Vitpilen 701
Apex 2.0 Husqvarna Vitpilen 701

Apex 2.0 Husqvarna Vitpilen 701

Apex 2.0 Husqvarna Vitpilen 701
Apex 2.0 Husqvarna Vitpilen 701

Apex 2.0 Husqvarna Vitpilen 701

Apex 2.0 Husqvarna Vitpilen 701
Apex 2.0 Husqvarna Vitpilen 701

Apex 2.0 Husqvarna Vitpilen 701

Apex 2.0 Husqvarna Vitpilen 701
Apex 2.0 Husqvarna Vitpilen 701

Apex 2.0 Husqvarna Vitpilen 701

Apex 2.0 Husqvarna Vitpilen 701
Apex 2.0 Husqvarna Vitpilen 701

Apex 2.0 Husqvarna Vitpilen 701

Apex 2.0 Husqvarna Vitpilen 701
Apex 2.0 Husqvarna Vitpilen 701

Apex 2.0 Husqvarna Vitpilen 701

Apex 2.0 Husqvarna Vitpilen 701
Apex 2.0 Husqvarna Vitpilen 701

Apex 2.0 Husqvarna Vitpilen 701

Apex 2.0 Husqvarna Vitpilen 701
Apex 2.0 Husqvarna Vitpilen 701

Apex 2.0 Husqvarna Vitpilen 701

Apex 2.0 Husqvarna Vitpilen 701
Apex 2.0 Husqvarna Vitpilen 701

Apex 2.0 Husqvarna Vitpilen 701

Apex 2.0 Husqvarna Vitpilen 701
Apex 2.0 Husqvarna Vitpilen 701

Apex 2.0 Husqvarna Vitpilen 701

Apex 2.0 Husqvarna Vitpilen 701
Apex 2.0 Husqvarna Vitpilen 701

Potrebbe interessarti anche...