Leclerc: il "predestinato" con una forza che va oltre il dolore

Franco Nugnes
motorsport.com

L’abbraccio sulla griglia di partenza con la mamma di Hubert. La scritta R.i.p. Tonio dietro al volante della Rossa. E poi quei lunghi momenti all’interno dell’abitacolo della Ferrari dopo la prima vittoria, pensando all’amico Anthoine scomparso il giorno prima nel raccapricciante botto al Raidillon con la F2 dell’Arden speronata di traverso dalla vettura di Correa. E in ultimo in piedi sulla SF90 con il dito puntato al cielo e gli occhi umidi.

In mezzo c’è stato un Gran Premio del Belgio condotto con il piglio di un campione consumato. Il “predestinato”, partito dalla pole, dopo un giro da qualifica strepitoso nel quale ha rifilato sette decimi a tutti (Vettel compreso), ha materializzato il suo sogno infantile: vincere un GP di F1 con la Ferrari.

Ha dovuto lottare con Lewis Hamilton: l’ombra del penta-campione nella sua freccia d’argento si è fatta sempre più grande e ingombrante negli specchietti, ma questa volta non si è fatto intimorire perché la SF90 non lo ha piantato in asso come è successo in Bahrain sul più bello.

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Il ragazzo “voleva” questa vittoria. Azzeccata l’analisi di Toto Wolff: “Credo che la gara di domenica sia stata dura per i piloti che erano più vicini ad Anthoine e a i suoi amici. Tra questi c’è Charles, che ha meritato di vincere e forse è stato l’uomo giusto che ha si è imposto nel momento giusto”.

Il dolore e la sofferenza capaci di plasmare il campione. Charles non è certo il tipo che si lascia andare alle emozioni. Ha imparato a convogliarle e a gestirle per sentire meno la pressione di un mondo duro e spietato come quello dei GP.

Chi si affida solo al cuore in F1 è destinato a essere spazzato via, ma se alle emozioni si aggiunge la forza della testa, allora anche un ragazzo con soli 13 GP con la Rossa può diventare un fenomeno capace di diventare il più giovane ferrarista a vincere un GP.

La gioia unita al dolore. Non è una sensazione nuova per Charles che qualcuno ha già chiamato il piccolo Principe di Monaco. Leclerc nella sua breve carriera ha già dovuto interiorizzare la morte: prima quella di Jules Bianchi a seguito del terribile crash del pilota francese a Suzuka nel 2014. Per lui era come un fratello maggiore che gli aveva indicato la strada, più che solo un amico.

Poi c’è stata l’improvvisa scomparsa del padre Hervé nel 2017 mentre era in lotta per il titolo di F2: “Mi ero concentrato sulla gara e quando ho abbassato la visiera del casco ho pensato solo a vincere per lui. Le sensazioni forti si sentono prima e dopo”.

Non è come schiacciare un interruttore on-off e neppure cinismo, ci mancherebbe altro: il “predestinato” ha maturato una capacità di gestire la concentrazione, consumando meno energia mentale di altri nei momenti più importanti in corsa e nella vita.

È una dote innata, ma si può sviluppare e allenare, lavorando in modo intensivo nei centri ultra-specializzati come il Formula Medicine del dottor Riccardo Ceccarelli. E Charles ha rinunciato ad alcuni svaghi della giovinezza per conseguire un risultato con caparbietà e determinazione.

Non deve stupire, quindi, se Leclerc ha ricevuto le “stimmate” del campione a Spa-Francorchamps, la pista più bella che è considerata la “Scala” del mondiale. Ha vinto senza alcun timore reverenziale per i due piloti che dietro di lui sommavano nove titoli mondiale (quattro Vettel e cinque Hamilton).

Charles ha spazzato via il record di Jacky Ickx che resisteva dal 1968: 51 anni dopo, il 21enne del Principato è diventato anche il più giovane pilota a imporsi nelle Ardenne. Costringendo Sebastian al ruolo subalterno di gregario, senza dover chiedere niente.

Si è preso ciò che gli spetta. Come tocca a un “predestinato”. Ed è solo all’inizio…

Charles Leclerc, Ferrari, festeggia la vittoria al parc ferme

Charles Leclerc, Ferrari, festeggia la vittoria al parc ferme <span class="copyright">Andy Hone / LAT Images</span>
Charles Leclerc, Ferrari, festeggia la vittoria al parc ferme Andy Hone / LAT Images

Andy Hone / LAT Images

Charles Leclerc, Ferrari, festeggia la vittoria sul podio

Charles Leclerc, Ferrari, festeggia la vittoria sul podio <span class="copyright">Sam Bloxham / LAT Images</span>
Charles Leclerc, Ferrari, festeggia la vittoria sul podio Sam Bloxham / LAT Images

Sam Bloxham / LAT Images

Charles Leclerc, Ferrari, festeggia sul podio con Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 e Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1

Charles Leclerc, Ferrari, festeggia sul podio con Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 e Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1 <span class="copyright">Sam Bloxham / LAT Images</span>
Charles Leclerc, Ferrari, festeggia sul podio con Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 e Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1 Sam Bloxham / LAT Images

Sam Bloxham / LAT Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90

Charles Leclerc, Ferrari SF90 <span class="copyright">Mark Sutton / Sutton Images</span>
Charles Leclerc, Ferrari SF90 Mark Sutton / Sutton Images

Mark Sutton / Sutton Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90, primo classificato, e Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, secondo classificato, arriva al Parc Ferme

Charles Leclerc, Ferrari SF90, primo classificato, e Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, secondo classificato, arriva al Parc Ferme <span class="copyright">Gareth Harford / Sutton Images</span>
Charles Leclerc, Ferrari SF90, primo classificato, e Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, secondo classificato, arriva al Parc Ferme Gareth Harford / Sutton Images

Gareth Harford / Sutton Images

Charles Leclerc, Ferrari, primo classificato, Mattia Binotto, Team Principal Ferrari, Laurent Mekies, Sporting Director, Ferrari, e il team Ferrari festeggia la vittoria

Charles Leclerc, Ferrari, primo classificato, Mattia Binotto, Team Principal Ferrari, Laurent Mekies, Sporting Director, Ferrari, e il team Ferrari festeggia la vittoria <span class="copyright">Simon Galloway / Sutton Images</span>
Charles Leclerc, Ferrari, primo classificato, Mattia Binotto, Team Principal Ferrari, Laurent Mekies, Sporting Director, Ferrari, e il team Ferrari festeggia la vittoria Simon Galloway / Sutton Images

Simon Galloway / Sutton Images

Charles Leclerc, Ferrari, festeggia la vittoria con Mattia Binotto, Team Principal Ferrari, Laurent Mekies, Sporting Director, Ferrari e gli altri colleghi

Charles Leclerc, Ferrari, festeggia la vittoria con Mattia Binotto, Team Principal Ferrari, Laurent Mekies, Sporting Director, Ferrari e gli altri colleghi <span class="copyright">Zak Mauger / LAT Images</span>
Charles Leclerc, Ferrari, festeggia la vittoria con Mattia Binotto, Team Principal Ferrari, Laurent Mekies, Sporting Director, Ferrari e gli altri colleghi Zak Mauger / LAT Images

Zak Mauger / LAT Images

Charles Leclerc, Ferrari, alla parata dei piloti

Charles Leclerc, Ferrari, alla parata dei piloti <span class="copyright">Simon Galloway / Sutton Images</span>
Charles Leclerc, Ferrari, alla parata dei piloti Simon Galloway / Sutton Images

Simon Galloway / Sutton Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, secondo classificato, e Charles Leclerc, Ferrari, primo classificato, alla conferenza stampa

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, secondo classificato, e Charles Leclerc, Ferrari, primo classificato, alla conferenza stampa <span class="copyright">Simon Galloway / Sutton Images</span>
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, secondo classificato, e Charles Leclerc, Ferrari, primo classificato, alla conferenza stampa Simon Galloway / Sutton Images

Simon Galloway / Sutton Images

Race winner Charles Leclerc, Ferrari, festeggia con il suo manager Nicolas Todt in Parc Ferme

Race winner Charles Leclerc, Ferrari, festeggia con il suo manager Nicolas Todt in Parc Ferme <span class="copyright">Joe Portlock / LAT Images</span>
Race winner Charles Leclerc, Ferrari, festeggia con il suo manager Nicolas Todt in Parc Ferme Joe Portlock / LAT Images

Joe Portlock / LAT Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90, Sebastian Vettel, Ferrari SF90

Charles Leclerc, Ferrari SF90, Sebastian Vettel, Ferrari SF90 <span class="copyright">Erik Junius</span>
Charles Leclerc, Ferrari SF90, Sebastian Vettel, Ferrari SF90 Erik Junius

Erik Junius

Charles Leclerc, Ferrari SF90,Sebastian Vettel, Ferrari SF90

Charles Leclerc, Ferrari SF90,Sebastian Vettel, Ferrari SF90 <span class="copyright">Erik Junius</span>
Charles Leclerc, Ferrari SF90,Sebastian Vettel, Ferrari SF90 Erik Junius

Erik Junius

Charles Leclerc, Ferrari, festeggia sul podio con Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 e Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1

Charles Leclerc, Ferrari, festeggia sul podio con Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 e Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1 <span class="copyright">Andy Hone / LAT Images</span>
Charles Leclerc, Ferrari, festeggia sul podio con Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 e Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1 Andy Hone / LAT Images

Andy Hone / LAT Images

Il vincitore Charles Leclerc, Ferrari, riceve le congratulazioni dal suo team

Il vincitore Charles Leclerc, Ferrari, riceve le congratulazioni dal suo team <span class="copyright">Andy Hone / LAT Images</span>
Il vincitore Charles Leclerc, Ferrari, riceve le congratulazioni dal suo team Andy Hone / LAT Images

Andy Hone / LAT Images

Potrebbe interessarti anche...