Legata e uccisa in casa, arrestato dopo 14 anni

·1 minuto per la lettura
(Getty Images)
(Getty Images)

Sono di Andrea Casarin, 47enne originario di Alessandria e residente a Pavia, le impronte rinvenute nel 2006 nell'abitazione della prostituta dominicana Altagracia Corcino Gil. Lo hanno scoperto dopo 14 anni i carabinieri del Comando provinciale di Alessandria che nel pomeriggio hanno arrestato l'uomo.

VIDEO - Carabinieri arrestati, l'audio delle violenze

Le indagini condotte all'epoca dell'omicidio non avevano prodotto alcun riscontro utile all'identificazione dell'autore del reato, nonostante i rilievi effettuati avessero consentito di repertare alcune tracce di Dna e impronte digitali, subito attribuite all'omicida.

La svolta negli ultimi mesi grazie al riscontro tra la banca dati Afis, il Sistema Automatizzato di Identificazione delle Impronte che consente di effettuare una ricerca rapida ed efficace delle impronte sconosciute, e la banca dati delle persone sottoposte ai rilievi segnaletici.

Grazie al confronto è emerso che cinque anni dopo il delitto, Casarin era stato arrestato all'aeroporto di Malpensa, mentre era in attesa di un corriere con sei chili di cocaina da Santo Domingo. E che le sue impronte erano le stesse trovate nell'appartamento del centro storico di Alessandria dove la giovane dominicana era stata uccisa.

Ora le indagini proseguono per individuare tutti i contorni dell'efferato delitto. La donna venne infatti legata e strangolata, la vena giugulare tagliata alla base del collo.

VIDEO - Turista danneggia statua di Canova e si allontana

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli