Legge elettorale, ecco il "Germanicum": che cosa cambia

Legge elettorale, ecco il Germanicum
Legge elettorale, ecco il Germanicum

Il ddl relativo al sistema elettorale ispirato al modello tedesco, il Germanicum, è stato depositato dal presidente della Commissione Affari costituzionali della Camera Giuseppe Brescia (M5s).

Saranno 391 i seggi assegnati con metodo proporzionale, con soglia del 5%, con un meccanismo che permette il diritto di tribuna. La proposta cancella i collegi uninominali del Rosatellum e ne utilizza i 63 collegi proporzionali e le 28 circoscrizioni. Il partito che non supera il 5% nazionale, ma ottiene il quoziente in 3 circoscrizioni in 2 Regioni ottiene seggi.

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

VIDEO - Taglio dei parlamentari: quanto si risparmia?

Dei 400 seggi della futura Camera, 8 spetteranno ai deputati eletti all'Estero (nelle circoscrizioni Estere con metodo proporzionale), un seggio va all'eletto in Valle d'Aosta in un collegio uninominale. I restanti 391 seggi sono distribuiti proporzionalmente tra i partiti che superano lo sbarramento del 5%.

I 63 collegi plurinominali del Rosatellum servivano per eleggere 386 deputati, quindi funzionano anche per la nuova Camera formato "mignon". Stesso metodo per assegnare i 200 seggi del nuovo Senato: quattro vanno ai senatori eletti all'estero, uno alla Val d'Aosta e i restanti 195 sono distribuiti ai partiti che nel resto d'Italia superano il 5%.

VIDEO - 5 domande sul taglio dei parlamentari

Anche il diritto di tribuna si ispira al modello tedesco anche se il sistema di assegnazione è diverso, dato che in Germania esistono collegi uninominali e il numero dei Parlamentari è variabile e non fisso come in Italia. Il testo depositato da Brescia non affronta il tema delle preferenze.

Potrebbe interessarti anche...