Legge sull'immigrazione violata: Essien e Cole rischiano il carcere in Indonesia?

Gli ex giocatori del Chelsea, Essien e Carlton Cole, avrebbero violato le leggi sull'immigrazione in Indonesia. Oggi giocano per il Persib.

E’ un momento delicato quello che stanno vivendo Michael Essien e Carlton Cole. I due ex giocatori del Chelsea infatti, rischiano di finire in prigione in Indonesia perché accusati di aver infranto le leggi sull’immigrazione.

I due sono tra le più grandi stelle del massimo campionato indonesiano ed ogni settimana sono moltissimi i tifosi che accorrono allo stadio solo per poterli vedere da vicino.

Il loro futuro nel Paese è però a serio rischio visto che, secondo quanto emerso, il Persib Bendung li ha schierati in campo senza aver preventivamente ottenuto il permesso di lavoro presso l’ufficio immigrazione.

Il responsabile dell’immigrazione, Maulia Purnamawati, attraverso un comunicato ha spiegato: “Martedì 18 aprile 2017, il Persib ha presentato richiesta per un permesso di soggiorno permanente. Quando si parla di professionisti i deve sempre ricordare che si deve essere muniti di un permesso per svolgere un’attività nel nostro Paese”.

Secondo la legislazione indonesiana, violare la legge sull’immigrazione può comportare una pena massima di cinque anni di carcere.

Il direttore del Persib, Umuh Muctar, ha criticato chi ha sollevato questo polverone: “Il fatto di avere giocatori così in Indonesia deve rappresentare una gioia per tutti noi, è un evento che consente di far parlare del nostro calcio nel mondo. Tutti sanno che Essien è un calciatore di classe mondiale, non è un immigrato clandestino”.

Secondo quanto appreso da Goal, è altamente improbabile che Cole ed Essien rischino la pena detentiva e il Persib tenterà di raggiungere un accordo con le autorità e con la Federcalcio al fine di poter formalizzare la loro permanenza nel Paese.

 

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità