De Ligt: "In Italia per i tifosi sei al di sopra anche del club. Outfit? I miei compagni mi prendono in giro"

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·1 minuto per la lettura
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Matthijs de Ligt ha rilasciato un'interessante intervista a Volkskrant e ha parlato, fra le altre cose, del suo stile di vita, del suo modo di essere e di interpretare la vita da calciatore. A De Ligt, difensore della Juve, piace essere riconosciuto ma in Olanda aveva una vita pubblica più tranquilla. Ecco le sue parole riprese da Itasportpress.

Matthijs de Ligt, Hamed Traore | MB Media/Getty Images
Matthijs de Ligt, Hamed Traore | MB Media/Getty Images

Così Matthijs de Ligt: "Che tu lo faccia bene o male, sei comunque un eroe per i tifosi. In Olanda ero un ragazzo normale che giocava a calcio. In Italia, come calciatore, sei al di sopra della società. Mi piace questo apprezzamento, ma è bello anche passeggiare in maniera più tranquilla per le strade dei Paesi Bassi".

Importante anche il passaggio sul suo stile di vita e sull'outfit: "Non mi piacciono gli abiti firmati e costosi. Sono Matthijs, sono me stesso e non mi vedranno mai andare all’allenamento con un abito su misura. La mia professione è fare il calciatore. Voglio essere una star in campo. A volte nello spogliatoio ridono di me per il modo in cui mi vesto. Non mi interessa. Finché sposo il mio comportamento e sono ben vestito, sono soddisfatto".

Segui 90min su Telegram per rimanere aggiornato su tutte le ultime novità di Serie A.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli