L'Inter di Inzaghi dimentica la LuLa e Conte: 9 giocatori in gol, è cambiato lo spartito

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·2 minuto per la lettura
In questo articolo:
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

L'Inter di Simone Inzaghi è riuscita in 90 minuti a dimenticare il ko di Champions contro il Real Madrid e le tante, troppe, occasioni da gol sprecate nella notte europea. Il 6-1 rifilato al Bologna sembra troppo bello per essere vero, eppure se mercoledì contro le Merengues tutto era andato storto sottoporta, al contrario contro i rossoblù tutto è filato liscio come l'olio, con anche le più sporche occasioni calamitate sui piedi stavolta freddissimi dei nerazzurri. 6 gol che si sommano ai 4 contro il Genoa, ai 3 contro il Verona e ai 2 contro la Sampdoria che fanno dell'Inter il miglior attacco della Serie A. Un dato che evidenzia, in un colpo solo, come la dipendenza dalla LuLa e l'idea tattica di Antonio Conte siano ormai superate.

CAMBIATO LO SPARTITO - Rispetto all'anno scorso, forse non dalle prime battute ma sicuramente dal post-gara contro il Sassuolo in poi, è di fatto cambiato lo spartito. L'Inter di Conte sfruttava la strapotenza di Lukaku come fulcro del gioco e come terminale offensivo allargando bene il campo e cercando prima di tutto la profondità per poi occupare l'area con i due centravanti. Oggi con Lautaro e Dzeko il copione è differente perché più volte nel corso della gara l'area di rigore rimane di fatto sguarnita, con i due bomber che non si cercano direttamente fra di loro, ma dialogano sempre più con i centrocampisti liberi sia di inserirsi che di concludere. La difesa, inoltre, non ha paura di alzare il proprio baricentro e, anzi, i due braccetti della difesa a tre hanno libertà di offendere fino ai limiti dell'area ed è così che spesso al cross sono arrivati non gli esterni lanciati in verticale, bensì proprio Skriniar e Bastoni.

DIPENDENZA DA LULA? NO GRAZIE - È così che rispetto a un anno fa, quando l'Inter segnava sì tantissimo, ma principalmente con i propri attaccanti e con la LuLa (Lukaku-Lautaro) divenuta quasi insostituibile (Hakimi ha chiuso da terzo marcatore assoluto) e al punto da diventare una sorta di dipendenza, quest'anno l'Inter è già arrivata ad avere 9 marcatori differenti con 5 gol arrivati da centrocampisti ed esterni (il 6° di Perisic annullato). Una cooperativa del gol, frutto di un copione differente. Così Inzaghi ha fatto dimenticare la dipendenza dalla LuLa e Antonio Conte.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli