L'Inter e il piano per Eriksen: Inzaghi vuole convocarlo per il raduno

Christian Eriksen ha lasciato l'ospedale dopo l'arresto cardiaco accusato in campo contro la Finlandia agli Europei. E' passata una settimana dal grave fatto che ha visto coinvolto il centrocampista danese classe 1992.

Sono ancora tanti gli interrogativi sul futuro del centrocampista dell'Inter. Stando a quanto riferito dalla Gazzetta dello Sport, il giocatore, dimesso dal Rigshospitalet dopo l’operazione, non tornerà ovviamente in campo con la Danimarca in questo Europeo, ma rischia anche di dover dire addio alla carriera da calciatore. Forse in Italia o forse in via definitiva.

Christian Eriksen | Marco Canoniero/Getty Images
Christian Eriksen | Marco Canoniero/Getty Images

L'idea dell'Inter comunque è quella di convocare il centrocampista il prossimo 8 luglio nel giorno del raduno. Una convocazione simbolica per il centrocampista danese, un segnale importante. Eriksen resterà in casa almeno tre settimane, che saranno di riposo assoluto. Tra domani e dopodomani ci sarà una videochiamata tra Odense e Milano, con il club nerazzurro che parlerà al suo giocatore: primo vero contatto dopo i messaggi dei giorni scorsi. L'Inter aspetta Eriksen e vuole farlo sentire parte integrante del progetto, in attesa di capire cosa accadrà in futuro. Con il defibrillatore permanente il calciatore non potrebbe più giocare in Italia. Nella migliore delle ipotesi ci vorranno almeno 6 mesi per rivederlo in campo. Ma intanto l'Inter vuole stare vicina al suo giocatore.

Segui 90min su Telegram per rimanere aggiornato sul calciomercato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli