L'Inter e la fascia destra senza padroni: Dumfries dopo Cancelo e Hakimi, c'è un piano per il futuro

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·2 minuto per la lettura
In questo articolo:
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Appena arrivato in Italia dicevano che non era uno da Inter. Ed effettivamente Denzel Dumfries ci ha messo un po' a ingranare: qualche spezzone di partita qua e là, alcune le ha giocate per intere ma l'esterno preso dal Psv non convinceva. Poi però il tempo di inserirsi nei meccanismi di Inzaghi e tac, dicembre è stato il suo mese: tre gol in quattro partite. Un bomber sulla fascia. La prima rete italiana l'ha segnata proprio contro quella Roma che affronterà sabato alle 18.

I CAMBI SULLA FASCIA - Dalla Roma alla Roma, passando per quattro mesi di lavoro in cui a lavorato a testa bassa convincendo tutti. Inzaghi applaude in panchina, Denzel piace e supera Darmian nelle gerarchie sulla fascia destra. Occhio però, perché negli ultimi anni da quella parte l'Inter ha sempre cambiato tanto: Cancelo e Hakimi non sono rimasti più di una stagione, nel mezzo si sono alternati Candreva, D'Ambrosio e Young. Ora c'è Dumfries, ma quanto durerà?

LA VIRATA DEL BAYERN - L'Inter l'ha preso dal Psv per 15 milioni di euro bonus compresi, i quattro anni di contratto sono la dimostrazione di quanto la società punta forte sul classe '96 che appena arrivato aveva messo subito le cose in chiaro: "Hakimi? Ora è il mio tempo e lavorerò duro per essere all'altezza". L'ha fatto davvero. Se n'era accorto anche il Bayern Monaco, che prima di virare su Mazraoui - affare ai dettagli - si era interessato all'esterno olandese (entrambi gestiti da Mino Raiola). Chi ha lasciato i riflettori accesi su Dumfries sono Tottenham e Newcastle.

IL PIANO DELL'INTER - Marotta e Auslio non vorrebbero privarsi del motorino sulla fascia destra, ma di fronte a un'offerta importante potrebbero fare altre valutazioni. Per far riflettere la dirigenza nerazzurra servirebbe una proposta di almeno 35 milioni di euro con i quali la società registrerebbe a bilancio una plusvalenza importante dopo una sola stagione. Un occhio al campo e l'altro al bilancio, Dumfries vola sulla fascia e nei prossimi mesi può accendere il mercato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli