L'Inter riparte dal 3-5-2: dalle idee di Conte a quelle di Inzaghi, tra punti in comune e differenze

·1 minuto per la lettura

La continuità tattica è uno dei punti chiave che ha portato Simone Inzaghi sulla panchina dell'Inter per rimpiazza Antonio Conte. Il modulo è lo stesso, il 3-5-2, ma i modi di approcciare il gioco sono (in parte) differenti.

Antonio Conte e Simone Inzaghi | Marco Rosi - SS Lazio/Getty Images
Antonio Conte e Simone Inzaghi | Marco Rosi - SS Lazio/Getty Images

Quello di Conte è senz'altro più aggressivo, con il pressing intelligente sui portatori di palla e la compattezza difensiva tra i punti cardine. Nella sua avventura milanese si son conosciute due fasi: la prima fatta di baricentro alto e e pressione asfissiante sugli avversari; la seconda di attesa e ripartenza, volta a guadagnare campo da sfruttare con la velocità dei vari Hakimi, Lautaro e Lukaku. Lo sa bene lo stesso Inzaghi, che nel match di San Siro ha controllato il pallino del gioco ma è stato poi colpito e affondato dai vari contropiede letali del Biscione. E questa è una delle differenze tra i due, che però hanno anche dei punti in comune.

Nel 3-5-2 è per entrambi fondamentale la compattezza del terzetto difensivo, anche se Conte ama avere uno dei due 'braccetti' che si stacca spesso in avanti; per entrambi sono di rilevante importanza gli esterni e il perno basso di centrocampo, che hanno il compito di ribaltare l'azione e di cucire il gioco. E per tutti e due, ovviamente, è particolarmente prezioso il lavoro delle due punte: se con Conte è stato lo stesso Lukaku a garantire di essere migliorato spalle alla porta, per Inzaghi spicca il feeling particolare con un Immobile, al quale ha fatto vincere una Scarpa d’Oro e segnare 150 reti.

Segui 90min su Facebook.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli