L'investitura di Pioli e il ko di Tomori: Kalulu-Gabbia pronti per Juve e Inter. Ma un colpo in difesa è necessario

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·2 minuto per la lettura
In questo articolo:
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

"La nostra è una strategia condivisa: non vogliamo cambiare tanto per cambiare, ma per avere giocatori che migliorino per qualità, presenza e spessore la rosa. Non vogliamo prenderne uno tanto per dire che abbiamo comprato un giocatore. Kalulu-Gabbia stanno dimostrando che sono giocatori pronti anche per partite importanti": l'investitura di Stefano Pioli, tecnico del Milan, nei confronti della giovane coppia formata da Pierre Kalulu, classe 2000, e Matteo Gabbia, classe 1999, è importante, rivelatrice e carica di significato. Il francese e l'italiano, la strana coppia composta da un terzino che rende meglio da difensore centrale e da un ex centrocampista, ha dato finora ottimi responsi, in seguito all'infortunio di Simon Kjaer e alla positività al Covid di Alessio Romagnoli e Fikayo Tomori.

IL KO DI TOMORI E GLI ESAMI JUVE-INTER - Ottime le prestazioni contro la Roma, di fronte a un gigante come Tammy Abraham, e a Venezia, dove i due non hanno mai sofferto: proprio il ko del difensore inglese ex Chelsea, che contro il Genoa ha riportato la rottura del menisco mediale e che starà fuori per circa un mese, ha responsabilizzato ancor di più i due giovani, che domani saranno titolari anche contro lo Spezia, dopo aver fatto bene in Coppa Italia. E che, se Romagnoli non si negativizzerà o non sarà in forma, potrebbero giocare dal 1' in coppia anche nei big match decisivi per la conquista dello scudetto, contro Juventus e Inter, tra una e due settimane: Pronti per le partite importanti, come dice Pioli.

L'IMPORTANZA DI COMPRARE UN DIFENSORE - Diverso invece il discorso per quanto concerne il colpo di mercato per il reparto arretrato. l'allenatore rossonero sposa appieno la causa di Elliott e della dirigenza, "non comprare tanto per comprare". Assolutamente corretto ed assennato, visto la politica intrapresa da Maldini e Massara, che sta recando frutti prelibati: al momento però un giocatore che migliori "per qualità, presenza e spessore la rosa​" nel reparto difensivo è più che necessario, perché pensare di affrontare campionato e Coppa Italia, per competere e cercare di vincere fino alla fine, tra Covid, infortuni e squalifiche, soltanto con i due "ragazzi d'oro", Romagnoli e un Tomori comunque reduce dalla rottura del menisco, appare un rischio esagerato. Per questo le audizioni in merito al centrale continueranno questa settimana, che potrebbe rivelarsi decisiva: occhio alle sorprese.

@AleDigio89

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli